Image
Image

14 sedie elettriche

Giovanni Pellinghelli del Monticello

Leggi i suoi articoli

Caratterizzato dall’impronta di un dito e dalla vernice in alcuni punti spessa un centimetro, «Fourteen Small Electric Chairs» di Andy Warhol appare da Bonhams per la prima volta dopo 20 anni, nell’asta di arte contemporanea dell’11 febbraio, con stime tra 5,3 e 7,9 milioni di euro

L’opera, alta oltre due metri, nasce dalla rivisitazione di due delle più celebri serie di Warhol e fu realizzata nel 1980 come parte della rielaborazione in chiave postmoderna della serie «Reversals» in cui Warhol riprende l’iconografia già usata nella serie «Death and Disaster» degli anni ’60.

Warhol ricompose le 14 tele da lui create per la mostra a Stoccolma nel 1967 rimodellandole in un’opera d’arte completamente nuova e di grande impatto emotivo. Accanto alla banconota da un dollaro, al marchio di Coca-Cola, alla Campbell Soup e a Marilyn Monroe, la sedia elettrica resta uno dei simboli iconici «All-American» di Warhol e sue Electric Chairs sono esposte al Guggenheim di New York e alla Menil Collection di Houston.

Inventata ed usata per la prima volta a New York nel 1890 nel carcere di Auburn e da allora utilizzata unicamente negli Stati Uniti, la sedia elettrica è perciò considerata da Warhol un’icona dell’identità nazionale americana trasversale a criminalità, cultura di massa e immaginario collettivo, in cui (come sottolinea Ralph Taylor, Senior Director of Post-War and Contemporary Art di Bonhams) Warhol affonda il suo sarcasmo artistico e sociale.

Fra gli altri 50 lotti in asta, tutti fortemente simbolici dell’arte dal 1950 a oggi, spiccano la scultura in legno e carta dipinta in lacca «Red Fan», 1964, 151x305x50 cm di Kazuo Shiraga, 2-2,6 milioni, l’olio su tela del 1963 «E.O.W. on her Blue Eiderdown V» di Frank Auerbach, 1,3-2 milioni, la scultura in bronzo «Le cheval à six têtes, grand» (1954-56) di Germaine Richier, 260-400mila.
In asta anche Dadamaino, «Volume a moduli sfasati», 1960, plastica perforata applicata su tela, 46-60mila.

Giovanni Pellinghelli del Monticello, 09 febbraio 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

I sopracamini che l’imprenditore Michelangelo Poletti si è aggiudicato nel 2022 sono esposti a Palazzo d’Accursio, dopo l’intervento di Giovanni Giannelli del Laboratorio Ottorino Nonfarmale

Le tappe del restauro dell’opera sono ora ripercorse in un volume, insieme al rapporto tra la pittrice più inneggiata del Seicento italiano e europeo e il committente Michelangelo Buonarroti il Giovane

Il libro di Adele Milozzi è un viaggio biografico tra le vite di granduchi, banchieri, cadetti e principesse, classificato un po’ impropriamente solo come «guida»

Nel Palazzo dei Diamanti l’artefice visionario di realismi impossibili in un allestimento curato da Federico Giudiceandrea e Mark Veldhuysen, presidente della Escher Foundation

14 sedie elettriche | Giovanni Pellinghelli del Monticello

14 sedie elettriche | Giovanni Pellinghelli del Monticello