Verrocchio grande sconosciuto

Il debutto statunitense dell’artista rinascimentale

Una veduta della mostra di Verrocchio in corso alla National Gallery di Washington
María Sancho-Arroyo |  | Washington

La cena di gala alla National Gallery per presentare la mostra «Verrocchio: scultore e pittore del Rinascimento fiorentino» era un microcosmo della città: diplomatici, conservatori e direttori di musei, qualche collezionista e molti politici. Si tratta della prima monografica dell’artista negli Stati Uniti.

Diversamente da Leonardo, il suo allievo più famoso, Verrocchio non è ben conosciuto in America. La mostra intende ovviare al problema presentando una selezione di opere che consente al pubblico di apprezzare come l’eccellenza raggiunta da Verrocchio abbia stimolato la creatività di altri noti artisti. È piccola, non più di 50 opere, ma squisitamente scelte e molto ben presentate.

La tappa della National Gallery of Art, realizzata in collaborazione con il Museo del Bargello e Palazzo Strozzi, è più piccola della mostra fiorentina e si concentra maggiormente su Verrocchio. La maggior parte
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di María Sancho-Arroyo
Altri articoli in OPINIONI