Una casa russa in Laguna

È la «dom kultury» della V-A-C Foundation, diretta da Teresa Iarocci Mavica

Una veduta dell'interno della dom kultury a Venezia. Foto: Marco Cappelletti con Filippo Rossi
Veronica Rodenigo |

Venezia. Una casa della cultura (in russo «Dom kultury», abbreviata in Dk) lungo le Zattere. La sede veneziana della moscovita V-A-C Foundation (diretta da Teresa Iarocci Mavica, recentemente nominata commissario del Padiglione della Russia alla Biennale) propone sino al 29 febbraio, nell’intervallo della sua programmazione espositiva, il suo secondo «public program» sviluppato da un team curatoriale russo e con la partecipazione di un team internazionale di giovani artisti, coreografi, musicisti.

Un’iniziativa senza precedenti nel panorama lagunare che di fatto, con un’offerta diversificata, apre le porte del palazzo alle Zattere a cittadini e a chiunque voglia fruirne. Tra piano nobile e secondo piano si alternano un cineclub (con tre cicli realizzati da registi d’avanguardia tra cui «The Event» di Sergey Loznitsa e «Nervous Translation» di Shireen Seno), «squatting» (fino al 26 gennaio),
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo