Un itinerario in Arabia Saudita

Tour iniziatico da Gedda a Riad, passando per Al-Ula, Madain Saleh e Umm Laj

Vista dell’antico centro storico di Gedda conosciuto come Al Balad (il villaggio). Foto di Marco Riccòmini
Marco Riccòmini |

Sapevo di averlo, ma mi ci è voluto un po’ a trovarlo. A dire il vero, non è che Het Mekkaansche feest (Il pellegrinaggio alla Mecca, Einaudi 1989) di Christiaan Snouck Hurgronje, pubblicato a Leida nel 1880, mi aiuti granché, ora che sono tornato a casa. Ma quel che ricordavo circa la preparazione ai «riti meccani» mi è servito a capire che cosa stesse succedendo giorni fa sul mio aereo per Gedda.

All’annuncio dell’approssimarsi all’Haram (il territorio che racchiude i luoghi sacri all’Islam), un buon numero di passeggeri ha cominciato a spogliarsi per compiere abluzioni (Wudu, quella «minore», suppongo) nel bagno dell’aeromobile. Da lì tornavano coperti solo da due candidi pezzi di stoffa (detti ihram), dal tessuto piqué di certi asciugamani, sotto gli sguardi esterrefatti dei pochi passeggeri non musulmani che si chiedevano se l’aereo non fosse stato dirottato verso uno
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Marco Riccòmini