Tre diverse strategie di marketing

Gli appuntamenti di New York e Parigi

Antonio Aimi |  | Parigi

Dai risultati delle tre aste di arte «altra» di Christie’s e di Sotheby’s che si sono tenute nei mesi di maggio e giugno si potrebbe dire che siamo tornati alla situazione del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto: se da un lato siamo lontani dai record che ogni tanto caratterizzavano le aste del passato, dall’altro siamo comunque davanti a risultati soddisfacenti. In questa situazione diventa difficile fare una sintesi delle tendenze del mercato, anche perché le tre aste erano molto diverse tra loro, sia per la qualità e le tipologie delle opere offerte, sia per le strategie di marketing con cui sono state presentate.

La vendita con le caratteristiche più atipiche è stata senza dubbio l’asta Christie’s (12 opere in tutto), che si è tenuta a New York il 19 maggio. Il risultato complessivo è stato di 3,57 milioni di euro con percentuali del venduto (rispettivamente per valore e per numero di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Antonio Aimi