Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

Tecnologia teatrale stile Napoleone III

Attrezzature sceniche all’avanguardia per il restaurato Théâtre du Châtelet

La Grande Salle del Théâtre du Châtelet di Parigi dopo il restauro. © Thomas Amouroux

Parigi. Dopo due anni e mezzo di restauri, lo storico Théâtre du Châtelet ha ritrovato il suo lustro d’origine in stile Napoleone III ma con un cuore tecnologico da XXI secolo. Il teatro, opera dell’architetto Gabriel Davioud, fu inaugurato dall’imperatrice Eugenia nel 1862 nella place du Châtelet, di fronte al teatro «gemello», il Théâtre de la Ville, anch’esso oggetto di lavori che si protrarranno almeno fino al 2021.

L’intervento è costato 32,3 milioni di euro (il 10% in più del previsto) e ha visto procedere di pari passo il recupero dell’edificio storico e l’adeguamento impiantistico. Se l’urgenza del cantiere, infatti, s era dettata soprattutto dalla vetustà dei sistemi in particolare di sicurezza e dalla necessità di riparare le coperture, sono stati anche restaurati tutti i decori interni e le installazioni tecniche sceniche sono state modernizzate con l’introduzione di tecnologie all’avanguardia.

Inizialmente si è resa necessaria una non prevista fase preliminare di bonifica da amianto e piombo che ha allungato i tempi ma ora finalmente la bella facciata Secondo Impero è libera dalle impalcature. Sulla balaustra della terrazza Nijinski, al terzo piano, ormai aperta al pubblico, hanno trovato posto le quattro statue allegoriche (Danza, Dramma, Commedia e Musica), riprodotte sulla base di documenti d’archivio: gli originali erano misterosamente scomparsi un secolo fa. L’obiettivo dei restauratori era di «restituire al teatro un aspetto il più vicino possibile al progetto originale di Davioud», ha spiegato Christian Laporte, architecte du Patrimoine che ha diretto il cantiere insieme a Philippe Pumain.

La Grande Salle è spettacolare. «Qui il restauro è stato profondo, ha spiegato Laporte. Le balconate erano state verniciate più volte, si erano persi i contrasti di colore e molti decori erano coperti». Sono ricomparse dunque le maschere, i putti e le iscrizioni dei medaglioni. I colori e i dettagli delle pitture sono tornati vivi. È stato anche riportato alla luce, nascosto per decenni dietro una lastra di gesso, il delicato soffitto a vetri retroilluminato. Anche l’immenso lampadario è stato smontato e restaurato: ci sono voluti sei mesi.

Diverse le sorprese. Nei vestiboli e corridoi del teatro, le ricerche stratigrafiche hanno permesso di ritrovare, sotto mani di vernice di un triste colore beige, «i decori geometrici originali», sobri e eleganti, e nell’Avant Foyer i «falsi marmi in trompe l’oeil»; dietro soffitti di cartongesso sono inoltre ricomparse le modanature originali. Anche il Grand Foyer è stato interamente rinnovato.
Nei documenti d’archivio sono state trovate indicazioni sulle tonalità di colore scelte da Davioud per le pareti.

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 402, novembre 2019


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012