SPECIALE BIENNALE DI VENEZIA Giallo Grenada: come si assomigliano deCaires Taylor ed Hirst

Il progetto di Jason deCaires Taylor nel Padiglione di Grenada. Foto di Jenny Dogliani
Jenny Dogliani |

Venezia si tinge di giallo. Difficile non notare la somiglianza tra l'opera di Jason deCaires Taylor nel padiglione di Grenada e il colossale progetto esposto alla Fondazione Pinault cui Damien Hirst ha lavorato negli ultimi dieci anni. Fotografo subacqueo diplomato in scultura all'Institute of Art di Londra, nato da padre inglese e madre della Guyana, deCaires Taylor ha iniziato a produrre le prime sculture sottomarine nel 2004, quando un devastante uragano decimò la barriera corallina dell'isola.
L'idea, proseguita sino a oggi, era quella di creare un museo subacqueo con sculture realizzate con una miscela di cemento per uso marino, sabbia e microsilice destinata a durare nei secoli e a diventare la base su cui fare attecchire nuovi coralli (il Museo è sorto a Lanzarote, nelel Isole Canarie, Ndr). Che si tratti di «antichi» reperti salvati dall'oblio dei fondali del Mediterraneo o di calchi di moderni
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Il progetto di Jason deCaires Taylor nel Padiglione di Grenada. Foto di Jenny Dogliani
Altri articoli di Jenny Dogliani