ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Mostre

Venezia

Relitto perfetto

Sfingi e Mazinga, Buddha e Topolino emergono da un immaginario e antico naufragio: nelle due sedi della Fondazione Pinault, Damien Hirst, dopo dieci anni di silenzio e di quotazioni in calo, si riporta prepotentemente a galla con una mostra spettacolare e un’operazione di mercato tanto geniale quanto spericolata

L'ingresso della mostra

Il vascello «Apistos», greco per «Incredibile», carico d’inestimabili tesori e di proprietà di Cif Amotan II, liberto di Antiochia vissuto tra il I e il II secolo d.C., naufragò sulle coste dell’Africa sud-orientale, forse per il peso del preziosissimo contenuto, e rimase protetto dall’Oceano Indiano per duemila anni, fino al 2008, quando un collezionista decise di finanziarne il recupero.

Sono così riemersi dalle profondità marine gigantesche sculture, manufatti, monete, gioielli e oggetti preziosi, animali e opere leggendarie, testimonianze di civiltà lontane che avevano stimolato nei secoli la fantasia di molti, e a ragione: dagli abissi sono apparsi reperti greci, romani e Maya, lo scudo di Achille e la Medusa, teste di faraoni e di ciclopi, Sfingi e Buddha, unicorni, Cerberi ed elefanti cinesi, fino a preveggenti intuizioni del futuro, come un Mazinga d’oro massiccio e Pippo e Topolino riconoscibili sotto le incrostazioni.

Il mare aveva lasciato su tutto le sue tracce indelebili fatte di coralli, ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Michela Moro, da Il Giornale dell'Arte numero 375, maggio 2017

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Una sala della mostra di Hirst a Punta della Dogana
  • Quattro sommozzatori «scoprono» Hydra e Kali
  • Una sala della mostra di Hirst a Palazzo Grassi
  • Damien Hirst ritratto davanti a un suo dipinto  della serie «Kaleidoscope» in occasione della retrospettiva alla Tate Modern di Londra del 2012 © Billie Scheepers
  • La gigantesca scultura di Damien Hirst «Demon with Bowl» in resina dipinta installata nel cortile di Palazzo Grassi
  • Una veduta dell’allestimento della mostra di Damien Hirst
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012