Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

Serrapetrona mette in mostra in chiesa i suoi restauri

26 opere recuperate nelle chiese inagibili del Comune esposte a Santa Maria di Piazza

La Pala della Crocifissione di Giovanni Angelo di Antonio dalla Pieve di San Lorenzo a Serrapetrona (Mc)

Serrapetrona (Mc). Dalla drammatica «Crocifissione con la Madonna e santi Giovanni Evangelista e Maria Maddalena», eseguita da Giovanni Angelo di Antonio nel 1452, a quattro tele del marchigiano Domenico Luigi Valeri (1701-65) fino ad autori ignoti per lo più del Sei e Settecento, il Comune di Serrapetrona espone nella centrale Chiesa di Santa Maria di Piazza 26 opere recuperate nelle chiese inagibili di Serrapetrona: restaurate dopo il terremoto dell’ottobre del 2016, sono riunite sotto il titolo «Il Bello... della Ricostruzione. L’arte salvata si mostra».

Finché non sarà possibile riportarle nei luoghi d’appartenza, le 26 opere rimarranno visitabili nella chiesa tardosettecentesca riaperta per l’occasione dopo 21 anni: era stata restaurata dopo il terremoto del 1997 e ha retto bene all’ultimo sisma. A Matelica le suore clarisse, con l’appoggio del Comune, hanno lanciato una raccolta fondi per restaurare il duecentesco Monastero della Beata Mattia, ma Serrapetrona è la prima amministrazione nel cratere maceratese con un contenitore culturale unico aperto al pubblico.

Secondo Daniela Tisi, già direttore della Rete Museale dei Sibillini e ora consigliera per le reti museali del ministro Bonisoli, «abbiamo il dovere di trovare soluzioni che possano restituire alla comunità spazi di fruizione delle opere d’arte e attivare forme di occupazione che coinvolgano i tanti musei ancora chiusi. Stiamo lavorando su accordi di valorizzazione territoriale per aiutare la ripresa delle attività e quindi dell’economia». Originaria di Amandola, la Tisi conosce bene lo scenario marchigiano e reputa «importante considerare ciò che fu fatto nel terremoto del ’97, perché le buone pratiche non devono essere disperse ma possano servire da esempio». Diventa allora impellente selezionare le priorità su cosa e come ricostruire, decidere dove esporre cosa (degli oltre 22mila beni mobili recuperati dal dicastero ben 13mila sono nelle Marche). A oltre due anni e mezzo dal sisma troppo resta da fare.

Stefano Miliani, da Il Giornale dell'Arte numero 394, febbraio 2019


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012