Scultura lingua viva

Ada Masoero |  | Mendrisio

Quali vie percorre la scultura di oggi? A questa domanda si propone di rispondere la mostra «Metamorfosi. Uno sguardo alla scultura contemporanea» che si apre dal 9 aprile al 25 giugno nel Museo d’arte Mendrisio. I curatori del museo, con Daniele Agostini, hanno creato un percorso inedito in cui si confrontano le opere di 24 artisti, di generazioni e nazionalità diverse, in una ricognizione degli orientamenti attuali della scultura.

Comune denominatore, nella differenza delle proposte, è la complessità delle forme, che spesso recuperano la struttura organica, avvalendosi dei materiali più diversi, fino a servirsi talora di prelievi diretti dalla natura, come accade nei lavori impalpabili di Christiane Löhr, fatti di fragili steli d’erba, o in quelli di fiori essiccati di Gerda Steiner & Jörg Lenzlinger.

Ad accogliere i visitatori è però il cuore di tessuto (lungo otto metri, pulsante) di Carlo
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 5

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Sanguedolce (risponde Carmela Sanguedolce) e la Fondazione Trussardi (risponde Beatrice Trussardi)

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)