Qui vogliamo musei integrati. Ma come?

Nel nuovo Polo per l’Immagine insieme musei civici (come la Gam) e privati come la Fondazione Fotografia

Stefano Luppi |  | Modena

Il Comune di Modena tramite un bando pubblico sta selezionando un direttore per il futuro Polo per l’immagine realizzato in partnership con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Il bando resterà aperto fino al 25 ottobre (informazioni su www.comune.modena.it). Tra i requisiti vi è la «comprovata qualificazione professionale ed esperienza di elevato livello nella gestione di istituti culturali dedicati specificatamente all’arte visiva contemporanea» e lo stipendio lordo sarà pari a un massimo di 85mila euro. 

La nuova istituzione, però, non esiste ancora: l’amministrazione comunale si è per ora limitata ad assicurare che sarà «un nuovo soggetto giuridico» nato dall’integrazione tra i comunali Galleria Civica d’Arte contemporanea e Museo della Figurina Panini e la Fondazione Fotografia, ente strumentale della fondazione ex bancaria modenese. Il nuovo responsabile gestirà ben sei
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi