Maschere di Caria

Gli ultimi scavi a Stratonikea: un teatro, un Serapeion, un ginnasio e un cimitero di gladiatori

Una delle maschere a rilievo ritrovate presso l'ingresso del teatro di Stratonikea
Giuseppe Mancini |  | Stratonikea

La campagna di scavi del 2019, a Stratonikea in Caria, ha riservato agli archeologi un’interessante sorpresa. Il team guidato dal professor Bilal Sogut dell’Università di Pamukkale si è concentrato quest’anno sul grande teatro monumentale da 10mila posti, costruito in epoca augustea.

La città, fondata nel III secolo a.C. da Antioco I sulle rovine di un più antico insediamento vicino alla costa egea, divenne infatti prospera in età imperiale in virtù della sua posizione strategica a cavallo tra le vie di comunicazione anatoliche.

Nel corso delle ricerche archeologiche sono stati localizzati anche il Serapeion, altri templi dedicati alle autorità imperiali, resti del foro e delle mura, più recentemente un ginnasio e un cimitero di gladiatori ricco di iscrizioni su stele.

I lavori che hanno interessato la scena e l’ingresso del teatro, con l’obiettivo di recuperare elementi architettonici caduti
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giuseppe Mancini
Altri articoli in ARCHEOLOGIA