Lo spirito si cura con il polline

Ada Masoero |  | Lugano

Con una grande monografica di Wolfgang Laib, aperta dal 3 settembre al 7 gennaio e curata con l’artista, Marco Franciolli si congeda dal MasiLugano, il Museo d’arte della Svizzera italiana, inaugurato nel 2015 e da lui avviato, prima di cedere il passo (dal primo gennaio) al nuovo direttore Tobia Bezzola e tornare agli studi. Significativa la scelta di Laib, uno degli artisti più innovativi e al tempo stesso più spirituali e poetici del nostro tempo: lavora, infatti, solo con materiali naturali, come pollini, che raccoglie in lunghe escursioni solitarie, oppure riso, lacca, cera e latte. Intriso del pensiero orientale (ha lungamente viaggiato in India con i genitori nell’infanzia, e tuttora ci vive per lunghi periodi) Laib, che è nato nel 1950 a Metzingen, in Germania, dove ancora oggi lavora quand’è in Europa (un terzo studio è a New York), si è dedicato tardi all’arte: prima, infatti, si
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 5

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Sanguedolce (risponde Carmela Sanguedolce) e la Fondazione Trussardi (risponde Beatrice Trussardi)

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)