Le surreali installazioni di Trisha Baga

Una nuova personale presso HangarBicocca

Un'immagine di scena per un'installazione di Trisha Baga. Coproduzione Pirelli HangarBicocca, Milano con lapartecipazione aggiuntiva di Giò Marconi, Milano e SOCIÉTÉ, Berlino. Cortesia dell’artista. Foto: Oto Gillen
Federico Florian |

Milano. Proiezioni 3D, oggetti ready made e sculture somiglianti a fossili di un’età contemporanea popolano le surreali installazioni di Trisha Baga, artista americana di origini filippine nata in Florida 35 anni fa. Per la sua nuova personale presso HangarBicocca («The eye, the eye and the ear», a cura di Lucia Aspesi e Fiammetta Griccioli, dal 20 febbraio al 19 luglio), la Baga presenta cinque installazioni video, di cui una prodotta appositamente per Hangar accanto a una serie di ceramiche e dipinti.

I suoi complessi e caotici paesaggi filmici (paesaggi in quanto la superficie bidimensionale del video si espande nello spazio grazie alla tecnologia 3D e a un’elaborata architettura di oggetti di scena) riflettono con ironia sulle contraddizioni della cultura di massa, sugli effetti della globalizzazione e sui concetti di genere e identità, sempre più fluidi e frammentati in un’epoca, la nostra,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Federico Florian