Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Le collezioni Schukin e Morozov: una saga russa

I musei Ermitage e Pushkin riuniranno le loro opere per una serie di mostre dedicate in entrambe le sedi a partire da giugno

La collezione di Sergei Schukin includeva anche «La Danse» di Henri Matisse (1909-10), che comparirà al Museo Pushkin di Mosca come «prestito eccezionale» dall’Ermitage

Mosca. Un quartetto di mostre celebrerà le collezioni di arte impressionista francese e di arte moderna raccolte nella Mosca dei primi del ’900 da Sergei Schukin e dai fratelli Ivan e Mikhail Morozov. Entrambe le collezioni vennero confiscate dopo la rivoluzione bolscevica e successivamente divise tra il Museo Statale di Belle Arti Pushkin di Mosca e il Museo di Stato dell’Ermitage di San Pietroburgo.

I musei riuniranno ora le loro opere per una serie di mostre dedicate ai collezionisti in entrambe le sedi, a partire dal prossimo mese di giugno. Fanno seguito a «Icone d’arte moderna. La collezione Schukin», tenutasi alla Fondation Louis Vuitton di Parigi nel 2016-17 in collaborazione con Ermitage e Pushkin, che richiamò 1,2 milioni di visitatori. Nel 2017 la Fondation aveva annunciato una mostra delle collezioni Morozov alla fine del 2020. André-Marc Delocque-Fourcaud, il nipote francese di Schukin, ha reso noto che l’Ermitage, il Pushkin e la fondazione Vuitton avevano iniziato a pianificare nel 2014 un «revival dei collezionisti russi di arte francese. Fin dall’inizio, l’obiettivo era quello di organizzare sei mostre a Parigi, Mosca e San Pietroburgo».

Delocque-Fourcaud è il curatore aggiunto di «The Schukin Saga», dal 17 giugno al 15 settembre al Pushkin, a pochi passi dal Palazzo Trubetskoy dove Schukin esponeva in origine la sua collezione. Il museo ha annunciato che la mostra racconterà «la storia di questa grande famiglia, la sua affermazione e la sua caduta» attraverso 11 sale di dipinti di antichi maestri, autori impressionisti e moderni, arredi francesi del XVIII secolo, «rarità orientali» e documenti d’archivio. Oltre ai 104 dipinti posseduti dal Pushkin, l’Ermitage presterà 60 opere di Monet, Cézanne, Picasso e Matisse, tra gli altri. A differenza della mostra parigina, il Pushkin esporrà il capolavoro di Matisse degli anni 1909-10 «La Dance». L’eccezionale prestito potrebbe essere l’ultimo, perché i curatori dell’Ermitage «ritengono che questa Mona Lisa del XX secolo sia troppo preziosa per viaggiare ancora», ha rivelato Delocque-Fourcaud. A sua volta l’Ermitage riceverà in prestito opere dal Pushkin per «Grandi collezionisti russi: i fratelli Morozov» (29 giugno-6 ottobre), mostra presentata come «completamente diversa» da quella prevista a Parigi nel 2020.

Sophia Kishkovsky, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012