Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

La pungente ironia di McCarthy

All’Hammer Museum disegni e lavori su carta, uno degli aspetti meno noti della sua produzione

«Gorilla Self-Portrait» (1963), di Paul McCarthy

Los Angeles. Famigerato per i video, le sculture e le performance che sfidano i limiti del «buon gusto», il 75enne Paul McCarthy è fra i più noti e controversi artisti americani. «Mi interessano le caricature, da Miss Piggy a Braccio di Ferro, in quanto costruzioni culturali», dichiara l’artista, per il quale cultura alta e bassa non hanno distinzioni, essendo entrambe simboliche rappresentazioni di un’America consumistica e ipercapitalista.

Ed è contro i valori della società americana, pervasa da una violenza latente e da un moralismo repressivo, che McCarthy sguaina la sua pungente ironia. Dal 2 febbraio al 10 maggio l’Hammer Museum dedica una mostra ai disegni e lavori su carta dell’artista, forse uno degli aspetti meno noti della sua produzione. «Paul McCarthy: Head Space, Drawings, 1963-2019», a cura di Aram Moshayedi e Connie Butler, propone 600 lavori, tratti dall’archivio personale di McCarthy: una pratica, quella del disegno, di cui l’artista si serve come strategia concettuale, per elaborare e sviluppare opere e idee.

I temi e soggetti di tali lavori su carta sono i medesimi delle sue performance e installazioni: violenza, sessualità e morte, il tutto infarcito di riferimenti politici e icone pop, tratte da Hollywood, cartoni animati, favole e soap opera. Molteplici le tecniche artistiche: carboncino, grafite, inchiostro, collage e persino sostanze organiche, quali ketchup e burro d’arachidi.

Federico Florian, da Il Giornale dell'Arte numero 405, febbraio 2020


GDA aprile 2020

Vernissage aprile 2020

Il Giornale delle Mostre online aprile 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012