La pungente ironia di McCarthy

All’Hammer Museum disegni e lavori su carta, uno degli aspetti meno noti della sua produzione

«Gorilla Self-Portrait» (1963), di Paul McCarthy
Federico Florian |

Los Angeles. Famigerato per i video, le sculture e le performance che sfidano i limiti del «buon gusto», il 75enne Paul McCarthy è fra i più noti e controversi artisti americani. «Mi interessano le caricature, da Miss Piggy a Braccio di Ferro, in quanto costruzioni culturali», dichiara l’artista, per il quale cultura alta e bassa non hanno distinzioni, essendo entrambe simboliche rappresentazioni di un’America consumistica e ipercapitalista.

Ed è contro i valori della società americana, pervasa da una violenza latente e da un moralismo repressivo, che McCarthy sguaina la sua pungente ironia. Dal 2 febbraio al 10 maggio l’Hammer Museum dedica una mostra ai disegni e lavori su carta dell’artista, forse uno degli aspetti meno noti della sua produzione. «Paul McCarthy: Head Space, Drawings, 1963-2019», a cura di Aram Moshayedi e Connie Butler, propone 600 lavori, tratti dall’archivio
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Federico Florian