La pittura va in analisi

Jenny Dogliani |

Nata per interrogarsi sulla natura e sul significato del dipingere, teorizzata verso la metà degli anni Settanta, rivalutata dalla critica e dal mercato, la Pittura Analitica è al centro di una collettiva curata da Alberto Rigoni per Menhir Arte Contemporanea di La Spezia, dove fino al 6 settembre sono esposti lavori storici e recenti di Noël Dolla, Ulrich Erben, Claude Viallat e Gianfranco Zappettini. Il titolo della mostra, «Pittura e Analitica», allude alle due diverse declinazioni che hanno animato questa corrente: l’attenzione al gesto e alla materia, da un lato, l’analisi del linguaggio, dall’altro. Il rapporto diretto con la superficie e i colori instaurato attraverso un’azione ancestrale e istintiva è al centro delle opere dei francesi Dolla e Viallat. Se il primo riduce la pittura a un gesto elementare che consiste nella produzione di una forma semplice reiterata con rigore (nella foto, «Senza
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Jenny Dogliani