Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

La Cappella della Sindone di Lagnasco

È uno dei quattro siti della provincia di Cuneo in restauro grazie a un investimento totale di circa cinque milioni di euro provenienti da enti pubblici e privati

La cappella di San Gottardo nel cimitero di Lagnasco, dopo il restauro

Lagnasco (Cn). L’ultimo discendente della casata dei Marchesi Tapparelli di Lagnasco, l’ambasciatore e senatore del Regno d’Italia Emanuele Tapparelli d’Azeglio, morto il 24 aprile 1890 a Roma, venne sepolto nella Cappella di San Gottardo all’interno del cimitero di Lagnasco.

L’edificio, oggetto di un recente intervento di restauro architettonico e artistico, venne costruito nel 1553 dalla famiglia Tapparelli come cappella del proprio castello per battezzare i nuovi nati. La decorazione pittorica dell’interno si deve a Pietro Dolce, pittore saviglianese che in territorio saluzzese decorò anche l’ala di levante dello stesso Castello di Lagnasco.

Risolti i gravi problemi statici della Cappella, si è proceduto al restauro degli affreschi: l’intervento è stato suddiviso in due lotti sotto la supervisione di Valeria Moratti, funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo.

Grazie a fondi ministeriali, della Compagnia di San Paolo e del Comune di Lagnasco (complessivamente circa 150mila euro) sono stati recuperati la pregevole decorazione degli spicchi della volta e gli affreschi delle pareti del presbiterio, strappati e ricollocati su tela in loco a fine Ottocento, tra cui l’iconografia della Sindone retta da tre vescovi: nel 1553, anno di costruzione della Cappella, ricorreva il centenario dell’acquisto della reliquia da parte di Ludovico di Savoia e la sua rappresentazione è stata letta come un segno di fedeltà dei Tapparelli alla casata sabauda.

Insieme all’area archeologica di Augusta Bagiennorum a Bene Vagienna, al Forte di Ceva e alla Chiesa di Santa Maria della Stella a Saluzzo, la Cappella funeraria dei Tapparelli d’Azeglio a Lagnasco è uno dei quattro siti della provincia di Cuneo in restauro grazie a un investimento totale di circa cinque milioni di euro provenienti da enti pubblici e privati fra cui Ministero per i Beni Culturali, Regione, Comuni e Fondazioni bancarie.

Emmanuele Bo, da Il Giornale dell'Arte numero 399, agosto 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012