Italiani snaturati

Jenny Dogliani |  | Cuneo

Nata in Inghilterra alla fine degli anni Cinquanta, sbocciata in America nel decennio successivo, la Pop art ha assunto in Italia una declinazione più colta e concettuale, affermandosi, grazie alla Scuola romana di Piazza del Popolo, dopo la crisi dell’Informale. Recentemente oggetto di una rivalutazione critica e di mercato come dimostrano numerose mostre e record d’asta di artisti tra cui Schifano e Rotella, la Pop art italiana ha saputo fondere cultura di massa e icone d’Oltreoceano con una più indigena attitudine politica e tradizione artistica.


A ripercorrere la vicenda è la retrospettiva «Io non amo la natura», organizzata dalla Fondazione Crc e dalla Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino nel Complesso Monumentale di San Francesco, restaurato dall’ente bancario cuneese nel 2011.


Tra le 50 opere esposte fino al 22 ottobre, provenienti dalla collezione della Gam e
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Jenny Dogliani