Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Il teddy bear di san Romedio

Il rapporto tra uomo e orso nell'iconografia storico, artistica e scientifica

Da sinistra: Massimilano I d’Asburgo in una raffigurazione del Theuerdank, 1512-17 e un’illustrazione del «Mein lieber Teddybär», testo di F. Baumgarter e illustrazioni di W. Holst, Lipsia, 1925 ca

Cles (Tn). «Ursus», nel Palazzo Assessorile di Cles dal 7 luglio al 3 novembre, è una mostra dedicata al rapporto tra uomo e orso curata da Silvia Spada con opere d’arte e reperti storici e scientifici. Il percorso oscilla tra realtà e immaginario, ricostruendo la figura del grosso animale che negli ultimi anni è salito alla ribalta delle cronache per la difficile convivenza con l’uomo.

Eppure il nostro è un rapporto atavico, come testimoniano reperti della preistoria provenienti dal Muse di Trento: una costola di orso del paleolitico ferita da una freccia (la più antica testimonianza italiana di caccia all’orso) e una collana del Neolitico dalle finalità probabilmente rituali.

La sezione storico-artistica si concentra sull’area del Trentino Alto Adige e del Tirolo. Si parte da inizio Cinquecento con una xilografia su pergamena del Theuerdank (pubblicato per la prima volta nel 1517), raffigurante un cavaliere che uccide un orso, e si giunge sino al Novecento con una scultura in legno di Fortunato Depero. E poi un dipinto del Seicento del pittore barocco Stephan Kessler, un’acquaforte di Max Klinger di fine Ottocento e una grafica pubblicitaria d’inizio Novecento di Franz J. Lenhart.

La mostra documenta anche l’iconografia dell’orso negli affreschi tre e quattrocenteschi dei numerosi castelli del territorio. Tra le riproduzioni esposte, quelle dei cicli di Torre dell’Aquila a Trento, realizzati in stile Gotico internazionale da Venceslao di Boemia, e quelli di Castel Roncolo a Bolzano, che raffigurano lo smembramento della carcassa di un orso secondo il diritto del carniere.

Una sezione è dedicata a san Romedio, il santo locale venerato per aver domato un orso. Un’altra sezione documenta la tradizione di ammaestrare gli orsi e farli esibire in pubblico (qui tra l’altro un manoscritto miniato d’inizio Cinquecento). Da segnalare infine le sezioni dedicate al carnevale e al teddy bear, l’orsacchiotto giocattolo simbolo di Cles comparso per la prima volta a inizio Novecento.

Mariella Rossi, da Il Giornale dell'Arte numero 399, luglio 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012