Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Il Museo Fortuny ospita le FutuRuins

Le rovine come tema di una mostra organizzata con l'Ermitage

«Antichità Romane IV (Veduta di una parte de' fondamenti del Teatro di Marcello)» (particolare), di Giovanni Battista Piranesi. Fondazione Musei Civici di Venezia, Museo Fortuny. Foto 2018 © Archivio Fotografico - Fondazione Musei Civici di Venezia

Venezia. Le rovine, comprese quelle delle Twin Tower, quale evento ciclico tra nostalgia del passato e speranza per il futuro: da qui la crasi «FutuRuins», titolo della mostra in programma dal 14 dicembre al 24 marzo 2019 al Museo Fortuny, luogo quanto mai consono, grazie alla voracità da collezionista del suo antico padrone di casa, Mariano Fortuny.

Suo, in mostra, il fotogramma del 1903 del Teatro Antico di Orange. La rassegna è organizzata in collaborazione con l’Ermitage di San Pietroburgo, dal quale provengono 82 pezzi tra reperti archeologici e dipinti, compresi «L’adorazione dei Magi» di Jacopo e Francesco Bassano e un piccolo olio del Parmigianino.

Ci sono gli autori classici del genere rovinistico, da Panini a Monsù Desiderio, da Caspar David Friedrich a Piranesi. Pur prevalendo la parte antica, la sfida più ambiziosa, nelle intenzioni di Daniela Ferretti, curatrice della mostra con Dimitri Ozerkov, affiancati da Dario Dalla Lana, riguarda il contemporaneo.

Molti gli artisti che hanno aderito, la maggioranza italiani. Alcuni, come Francesco Guerzoni, con progetti ad hoc. Anna e Patrizia Rieti presentano la loro interpretazione della Domus Aurea; Roma e i suoi monumenti nel loro materiale d’elezione, il travertino, tornano nelle opere di Elisa Civicedes. Trasversale anche il tema dei frammenti, ossia ciò che rimane di un edificio in rovina.

Di particolare rilievo anche il video di Francesco Jodice, girato nel 2004 in Giappone: ne sono protagonisti i giovani isolati nella loro stanza, schiavi dei nuovi social media. Come a dire che le macerie non sono solo quelle architettoniche ma hanno anche un risvolto psichico e sociale.

Lidia Panzeri, da Il Giornale dell'Arte numero 392, dicembre 2018



GDA409 Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vernissage Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale di Economia Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale delle Mostre Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere in Emilia Romagna Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere nelle Marche Luglio-Agosto 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012