Il gioiello della Badessa

© Foto Peres Vivas
Roberta Bosco |

Barcellona (Spagna). Dopo un restauro durato due anni, il Reial Monestir de Santa Maria de Pedralbes ha riaperto al pubblico la Cappella di san Michele, con le sue straordinarie pitture murali gotiche (1345-46), uniche in Spagna. Prima del restauro si potevano contemplare solo protette da un vetro, che sfalsava i colori e scuriva le scene. L’intervento, diretto da Lidia Font con la collaborazione di un pool di esperti internazionali, da biologi a chimici, si è concluso sulla parete di fondo che ha ritrovato l’azzurro brillante e i falsi marmi rossastri nascosti sotto vari strati di vernice. Alcuni attribuiscono l’opera al pittore catalano Ferrer Bassa, altri a un suo alllievo probabilmente italiano, ma esiste anche una terza ipotesi secondo la quale Bassa avrebbe trascorso alcuni anni in Italia dove avrebbe appreso le nuove tecniche messe in pratica al suo ritorno in patria. Di certo si sa che la
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Roberta Bosco