Il 2021 ha capovolto il vecchio ordine mondiale

Dalle crescenti vendite di Nft all’aumento degli acquisti asiatici, gli eventi che hanno caratterizzato il mercato dell’arte nel 2021

«Human One» (2021) di Beeple venduto da Christie’s New York a 28,9 milioni di dollari. Foto di John Angelillo
Georgina Adam |

L’anno 2021 è iniziato male. A gennaio il numero di morti per Covid-19 è aumentato a oltre 17mila al giorno, e in tutto il mondo i Paesi sono entrati in lockdown. Il commercio d’arte, ancora una volta, ha premuto il pulsante di pausa; le fiere d’arte sono state cancellate o rinviate. Come nel 2020, le aste sono state spostate online con offerte nettamente ridotte, e le gallerie si sono affrettate a rimanere in contatto con i loro collezionisti tramite e-mail o riunioni Zoom. Le viewing room online si sono rivelate una delusione, anche se le gallerie hanno scoperto che il calo delle vendite è stato compensato da una riduzione dei costi di viaggio, esposizione e intrattenimento dei clienti nei ristoranti eleganti. Ma il 2021 è stato anche scandito da tre eventi che hanno scosso il mercato nel profondo.

Il primo è arrivato a marzo quando, per la prima volta, Christie’s ha offerto all’asta un Nft (Non Fungible Token) corrispondente a una raccolta di 5mila piccole opere solo online dell’artista digitale Beeple (alias Mike Winkelmann). Il prezzo di partenza per «Everydays: the First 5000 Days» era di soli 100 dollari e la casa d’aste ha accettato il pagamento in criptovaluta, ancora per la prima volta. Dopo un avvio lento, un’esplosione di offerte dell’ultimo minuto ha visto salire il prezzo a 69,3 milioni di dollari, vendendo l’opera al cripto imprenditore Vignesh Sundaresan, che si fa chiamare MetaKovan.

La vendita ha avuto un effetto galvanizzante sul mercato degli Nft e altri hanno rapidamente collezionato prezzi altrettanto allettanti: 11,7 milioni di dollari per «CryptoPunk 7523» (2017) di Larva Labs da Sotheby’s, 6,6 milioni di dollari per un altro Beeple tramite Nifty Gateway e, a novembre, da Christie’s, 28,9 milioni di dollari per la scultura generativa «Human One» (2021) di Beeple. Questa storia è ancora in fase di scrittura, con sempre più fan che si uniscono alla festa e un numero sconcertante di iniziative create in questo spazio. Si va dai 10mila Nft realizzati da Hokusai per «La Grande Onda» (1831) del British Museum tramite la piattaforma LaCollection al marchio di moda Burberry che rilascia «gocce» in edizione limitata, e quelle sono davvero solo gocce nell’oceano di tutti i progetti relativi agli Nft attualmente in uscita.

La seconda grande storia è stata l’ascesa e l’aumento degli acquisti asiatici, con una nuova generazione che punta freneticamente sull’arte contemporanea internazionale, in particolare sui giovani artisti più in voga. In ottobre, da Sotheby’s Hong Kong, le opere di Loie Hollowell, Jadé Fadojutimi e Joel Mesler hanno superato le stime pre vendita. La stessa frenesia è stata vista a Frieze London la settimana successiva, quando ancora una volta gli offerenti asiatici hanno inseguito il lavoro di Fadojutimi e altri nuovi nomi come Cinga Samson, Oli Epp e Trey Abdella, spingendone prezzi ben oltre le aspettative.

La stessa vendita di Sotheby’s ha visto la terza grande storia dell’anno: i 18,6 milioni di sterline (25,4 milioni di dollari) pagati per «Love is in the Bin» (2018) di Banksy, il famigerato lavoro che era stato inizialmente messo all’asta come «Girl with a Balloon» nel 2018 per un record allora di 1 milione di sterline, ma si era parzialmente distrutto quando il martelletto è caduto. L’acquirente europeo ha mantenuto l’opera ribattezzata (ora un’opera «nuova», secondo la casa d’aste) ed è stato ricompensato con un sensazionale ritorno sull’investimento. Il compratore quest’anno proveniva dall’Asia e ha pagato in criptovaluta, secondo il sito specializzato The Canvas, che ha affermato che si trattata di una persona piuttosto nuova nel mercato dell’arte e non aveva mai acquistato da una galleria.

La storia di Banksy racchiude perfettamente tutti e tre gli elementi dell’anno: l’impatto del potere d’acquisto asiatico; la crescente influenza delle criptovalute e di chi ha fatto fortuna nelle valute alternative; e un riallineamento della nostra cultura artistica. Perché, non illudiamoci, l’acquirente stava acquistando una trovata, un investimento e una probabile attrazione per un museo privato, ma certamente non un’opera d’arte significativa, a parte la sua storia ben pubblicizzata.

La vendita ci fa mettere in discussione l’intero nostro modo di valutare l’arte, quando un’opera di un artista largamente ignorata dall’establishment artistico tradizionale è stata in grado di ottenere lo stesso prezzo, ad esempio, di «Homme et enfant» (1969) di Picasso, che ha totalizzato 24,4 milioni di dollari all’asta pop up del casinò Bellagio a Las Vegas, anch’essa orchestrata da Sotheby’s, in ottobre. Vi ricordate il fenomeno KAWS di tre anni fa, un altro Street artist il cui lavoro era stato venduto per la sorprendente (allora) cifra di 14,8 milioni di dollari da Sotheby’s a Hong Kong nel 2019? Quella, così sembra ora, era l’estremità sottile del cuneo.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Georgina Adam