Hauser & Wirth dal 17 luglio a Minorca

La galleria apre un centro d'arte su Isla del Rey con una mostra di Mark Bradford

Anna Brady |  | Minorca

Le vacanze estive alle Baleari quest'anno non sono che un sogno lontano per la maggior parte di noi. Ma non per Hauser & Wirth. La megagalleria ha annunciato che, dopo cinque anni di lavoro, aprirà il 17 luglio un centro d'arte su Isla del Rey, al largo di Minorca, con una mostra di nuovi dipinti e sculture dell'artista americano Mark Bradford.

L'ospedale navale ormai dismesso dell'isola, un tempo fatiscente, gli edifici annessi del XVIII secolo e le rovine di una basilica del VI secolo sono stati restaurati negli ultimi due anni dall'architetto argentino Luis Laplace di Parigi e trasformati in uno spazio espositivo con otto gallerie, un negozio e un ristorante chiamato Cantina.

All'esterno, il paesaggista Piet Oudolf, che era responsabile del giardino di Hauser & Wirth nel Somerset, ha progettato gli spazi esterni, il cui giardino incorporerà un percorso di sculture con opere di artisti come Louise Bourgeois, Eduardo Chillida e Franz West. Anche se al momento viaggiare sull'isola può essere complicato a causa della pandemia, il poterci eventualmente arrivare sarebbe in linea con le esigenze di distanziamento. «Occorre tener presente che Isla del Rey era originariamente un'isola di quarantena», dice Iwan Wirth, presidente di Hauser & Wirth.

«La posizione remota, un'isola al largo immersa nella natura, è adatta alle circostanze attuali. I musei di Minorca sono stati aperti per quasi tutto il periodo dall'inizio di Covid, il che è motivo di ottimismo. Naturalmente, seguiremo tutte le linee guida richieste e se dovessimo limitare i numeri di visitatori inizialmente, vorrà dire che sarà un'esperienza più intima e riflessiva».

I lavori di ristrutturazione sono stati supervisionati dal direttore di Hauser & Wirth di Minorca, Mar Rescalvo Pons. Wirth stesso ha potuto visitare l'isola la scorsa estate e ha in programma di andarci «non appena saremo in grado di viaggiare di nuovo per vedere il sito finito. Si tratta di un progetto di conservazione sensibile sia in termini di architettura che di ecologia locale».

Sulla scelta di Bradford per lo show di apertura, Wirth afferma: «Mark conosce bene le isole Baleari avendo vissuto a Maiorca per alcuni mesi nei suoi 20 anni. La natura multiforme del lavoro di Mark Bradford e il suo interesse per la mappatura, si adattano perfettamente vista la cornice dell'isola. Un porto naturale intriso di storia, al crocevia del Mediterraneo e con tante influenze culturali intersecatesi nel corso dei secoli».

Anche se all'inizio è probabile che il pubblico sarà perlopiù locale, la lunga durata della mostra di Bradford, spera Wirth, permetterà di visitarla anche a un pubblico internazionale. Lo stesso Bradford dice dello show: «Nell'ultimo anno ci è sembrato di vivere su Marte, mascherati, vestiti con la tuta, sei piedi di distanza su un terreno che non smette di muoversi. Alla fine, devi decidere di muoverti con esso, per riconoscere che l'instabilità è solo una parte del corso della storia. Sono entusiasta di condividere questo nuovo corpo di lavori, e non vedo l'ora di avere un terreno più stabile avanti».

«Lo spazio è lungo 128 metri da est a ovest e largo 12 metri ed è stato oggetto di importanti interventi di conservazione negli ultimi due anni per ripristinare l'edificio», spiega Wirth. «Prima di andare avanti, ci siamo consultati con molti dei nostri artisti che hanno condiviso con tutto il cuore il nostro entusiasmo per il progetto e sono desiderosi di lavorare ed esporre a Minorca».

Wirth vede un cambiamento duraturo nel modo in cui le persone vogliono vivere l'arte a causa della pandemia, vale a dire un abbandono dell'urbano per il rurale e un maggiore apprezzamento della natura: «Il rapporto di tutti con la natura ha subito un cambiamento irreversibile in questo periodo. Un esempio è l'urgenza dei dibattiti sulla sostenibilità. Siamo tutti più profondamente consapevoli del mondo naturale e sono certo che questo trend continuerà. Spazi come i famosi parchi di sculture Storm King e lo Yorkshire Sculpture Park e siti come Hauser e Wirth Somerset saranno sempre più popolari».

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Anna Brady
Altri articoli in GALLERIE