Gelo a Londongrad

Per decenni i miliardari russi sono stati accolti a braccia aperte per la loro capacità di spesa sul mercato dell'arte. Ora sono ufficialmente persone non gradite. Ma che dire degli altri individui e regimi con una reputazione dubbia?

Roman Abramovic, allora presidente del Chelsea Football Club, festeggia la conquista della Champions League nel 2012
Scott Reyburn |

L'espressione «tipo giusto» veniva regolarmente sussurrata dagli esperti del mondo dell'arte alle anteprime Vip di aste, mostre e grandi fiere. Il tipo «giusto» spendeva enormi somme di denaro per l'arte e, negli ultimi decenni, spesso era russo. Ma ora, mentre il mondo guarda con orrore a ciò che sta accadendo in Ucraina, alcuni dei più importanti mega clienti del mercato dell'arte sono stati inclusi negli elenchi sempre più lunghi di ricchi russi sottoposti a sanzioni in Occidente.

Il più importante di tutti è il miliardario di Londra Roman Abramovich, che nel 2008, nella settimana di aste newyorkesi, ha speso 120 milioni di dollari per opere di Francis Bacon e Lucian Freud.

Abramovich è stato uno dei primi a essere incluso nell'elenco delle persone sanzionate dal Governo inglese (il cui partito conservatore al Governo ha presumibilmente ricevuto 1,9 milioni di sterline da donatori con legami discutibili con la Russia) in seguito all'invasione dell'Ucraina. Il sito web ufficiale del Governo britannico ora lo descrive come un «oligarca filo Cremlino» che per decenni ha avuto uno «stretto rapporto» con Putin che ha portato a «trattamenti preferenziali e concessioni». Avendo costantemente negato tali accuse, Abramovich ora figura anche nell'elenco delle sanzioni approvate dall'Unione Europea: i suoi beni sono stati congelati e lui stesso non può trarre vantaggio dai suoi tentativi di vendere il Chelsea Football Club per 4 miliardi di dollari.

Come Abramovich, anche Petr Aven, il cofondatore della russa Alfa-Bank, figura ora negli elenchi dei soggetti sanzionati dalla Gran Bretagna e dall'Ue. Nel 2017 Aven e la sua villa di massima sicurezza nel Surrey sono stati oggetto di un articolo, «At Home with the FT», sul «Financial Times». Negli interni progettati da Nicky Haslam sono appesi dipinti di qualità museale di artisti del calibro di Kandinskij, Goncharova e Larionov. Il giardino è un parco sculture, in cui Aven è ritratto appoggiato al bronzo di Henry Moore del 1951 «Reclining Figure», acquistato da Christie's nel 2012 per 19,1 milioni di sterline. «Sono attratto dalle connessioni tra l'arte italiana, tedesca e russa del XX secolo, fuse dalle forze del totalitarismo», dichiarava Aven.

Altri regimi
Secondo Transparency International UK (Tiuk), la principale organizzazione anti corruzione indipendente della Gran Bretagna, anche il Regno Unito è stato per anni la destinazione privilegiata di «ricchezze sospette e illecite», in particolare dalla Russia, ma anche da Ucraina, Cina, Nigeria, Azerbaigian e Kazakistan.

L'organizzazione afferma che dal 2016 circa 1,5 miliardi di sterline di «fondi discutibili» sono stati investiti in proprietà della Gran Bretagna da russi accusati di corruzione o di legami con il Cremlino. Ha inoltre identificato 82 miliardi di sterline di fondi russi dirottati da «appalti truccati, corruzione, appropriazione indebita e acquisizione illegale di beni statali» in società registrate in Gran Bretagna e nei suoi paradisi fiscali d'oltremare. Anche se «Londongrad» ha avuto un ruolo ben documentato come lavanderia per soldi sporchi, non ci sono cifre dettagliate su quanto è stato speso per l'arte dai russi e, va detto, dai miliardari ucraini che si sono stabiliti in città, incoraggiati dal controverso sistema del «visto d'oro» del Regno Unito.

Non c'è ovviamente nulla di nuovo nel modo in cui le persone facoltose nel corso della storia hanno usato l'arte e le sue istituzioni per ottenere ciò che Thorstein Veblen, nel suo importante studio socioeconomico del 1899, Theory of the Leisured Class, ha identificato come «ripettabilità».

Ma dopo anni in cui mercanti d'arte, banditori d'asta, agenti immobiliari, contabili, avvocati, economi scolastici, decoratori d'interni e molti altri ne hanno ricavato un sacco di soldi, quelli ritenuti sostenitori o beneficiari del regime di Putin ora sono i tipo di persone «sbagliate». Allo stesso tempo, i ricchi russi in Europa e Nord America che non sono stati inseriti negli elenchi delle sanzioni si sono affrettati a segnalare la loro ripugnanza nei confronti del «conflitto» (se non la «guerra» o «l'invasione», che ora sono termini da traditori in Russia).

Il 3 marzo, la casa d'aste Phillips, di proprietà degli imprenditori di beni di lusso e collezionisti d'arte russi Leonid Fridlyand e Leonid Strunin (che non sono soggetti ad alcuna sanzione), ha donato alla Croce Rossa ucraina tutti i 7,7 milioni di dollari dei diritti d'asta della sua vendita serale di arte contemporanea e del XX secolo tenutasi a Londra. Le offerte sembravano essere poco influenzate dalle richieste di boicottaggio della casa d'aste di proprietà russa, sollecitate dall'ex amministratore delegato di Bonhams, Matthew Girling, e altri.

Le vendite specialistiche di arte russa, un tempo redditizie, sono state annullate. I principali mercanti e case d'asta sottolineano il rigore delle loro procedure Anti Money Laundering (Aml) e Know Your Client (Kyc): viene utilizzato un software all'avanguardia per controllare i clienti rispetto agli elenchi delle sanzioni, ai registri degli individui politicamente esposti e ai resoconti dei media avversi e per identificare i soci noti.

Il problema sono i soci sconosciuti. Una delle opere più importanti esposte nella mostra «Fabergé in London: Romance to Revolution», da poco conclusa al Victoria & Albert Museum, ad esempio, era l'uovo dell'orologio Rothschild del 1902. Questo oggetto tipicamente «Over The Top» di frivolezza zarista è stato acquistato da Christie's nel 2007 dall'uomo d'affari russo Alexander Ivanov per 9 milioni di sterline. Otto anni dopo è entrato nella collezione dell'Ermitage di San Pietroburgo, e il sito web del museo lo definisce un «regalo del presidente della Federazione Russa Vladimir Putin».

Sebbene gli screening Anti Money Laundering e Know Your Client siano diventati molto più sofisticati dal 2007, possono ancora essere aggirati. Boris Rotenberg, amico di Putin e cofondatore, con suo fratello Arkady, della banca russa Smp, è nell'elenco delle sanzioni del Governo inglese e nel 2014 compariva anche in quello del Governo degli Stati Uniti. L'indagine sui Panama Papers ha successivamente rivelato che le società collegate ai Rotenberg hanno acquistato opere d'arte per un valore di oltre 18 milioni di dollari tramite aste e transazioni private dopo l'entrata in vigore delle sanzioni statunitensi.

Ma i ricchi russi vorrebbero acquistare un bene mobile e confiscabile come l'arte in un momento in cui altri beni fisici di alto valore, come gli yacht, sono presi di mira e sequestrati dalle autorità sanzionatorie?

Dispersione discreta
Mercanti e specialisti delle case d'aste riferiscono poche attività da parte dei loro clienti russi. Ritengono inoltre che, se ci saranno vendite, è molto probabile che si tratterà di discrete dispersioni private, idealmente condotte nell'anonimato senza domande di un porto franco.

È stato un enorme shock per il sistema, ma la brutalità dell'invasione russa dell'Ucraina ha costretto il mondo dell'arte a mettere in discussione l'opportunità di fare affari con alcuni dei suoi più stimati acquirenti internazionali. Domande simili potrebbero essere poste su alcuni dei loro altri clienti eticamente impegnativi.

Il 12 marzo le autorità saudite hanno messo in atto un'esecuzione di massa di 81 prigionieri, un mese prima dell'apertura del loro Padiglione nazionale alla Biennale di Venezia di quest'anno. Il principe ereditario del Paese, Mohammed Bin Salman, ha acquistato il «Salvator Mundi» di Leonardo per la cifra record di 450 milioni di dollari da Christie's nel 2017. L'anno successivo ha approvato l'orribile assassinio del giornalista Jamal Khashoggi, secondo un rapporto pubblicato nel 2021 dai Servizi segreti degli Stati Uniti.

L'Arabia Saudita sta usando «eventi finanziati dal Governo con celebrità, artisti e atleti per nascondere la sua posizione in materia di diritti umani e distrarre ogni sforzo teso a individuare la sua diretta responsabilità», afferma Human Rights Watch.

«Il denaro è il re», ha detto il sette volte campione del mondo di Formula 1 Lewis Hamilton in una conferenza stampa del 2020, descrivendo la bussola morale del calendario globale della F1, che questo marzo includeva un secondo Gran Premio in Arabia Saudita. Il mercato dell'arte è diventato altrettanto espansionista senza, almeno fino ad ora, guardare troppo ad alcuna bussola.

Hong Kong è diventata il secondo centro commerciale più importante del mondo dell'arte internazionale, anche se la Cina rafforza la sua presa autoritaria sul territorio e continua a perseguitare sistematicamente la sua minoranza uigura. A marzo gli ultimi giudici britannici rimasti si sono dimessi dalla Corte d'Appello Finale di Hong Kong, affermando di non voler dare l'impressione di appoggiare «un'amministrazione che si è discostata dai valori della libertà politica e della libertà di espressione». Nel frattempo, l'edizione 2022 di Art Basel a Hong Kong si terrà dal 27 al 29 maggio e Sotheby's, Christie's e Phillips continuano a svolgere lì un fitto programma di aste.

Il poeta inglese Wystan Hugh Auden ha scritto che fare un'opera d'arte è un atto politico. Ora il mercato dell'arte deve imparare che anche comprare e vendere opere è un atto politico.

Guerra Russia-Ucraina 2022

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Scott Reyburn