Fotografare Gerusalemme

Ada Masoero |  | Lugano

Novanta immagini, in gran parte di monumenti e luoghi di Gerusalemme, compongono la mostra «Gerusalemme fotografata. Immagini dall’archivio dell’École biblique et archéologique française di Gerusalemme 1870-1935», visibile fino al primo giugno nel Museo Cantonale d’Arte.


Fondata nel 1890 dal domenicano Marie-Joseph Lagrange, la scuola è il primo istituto di ricerca biblica e archeologica insediato in permanenza in Terra Santa. Straordinaria la fototeca, da cui giungono queste immagini in cui Gerusalemme si mostra con tutto il carico di valenze storiche, religiose e architettoniche di cui è portatrice.


Non meno significativa è la varietà formale delle fotografie, che vanno dalle istantanee documentarie realizzate dai domenicani alle vedute estetiche di Félix Bonfils, fotografo francese attivo in Medio Oriente dal 1867.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 5

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Sanguedolce (risponde Carmela Sanguedolce) e la Fondazione Trussardi (risponde Beatrice Trussardi)

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)