CONTINENTE ITALIA | Martino Gamper

Artisti italiani, virtuosi non virtuali: le tecniche, i temi e le quotazioni di mercato dei nomi più votati dell'inchiesta

Riccardo Deni |

Martino Gamper, nato nel 1971 a Merano, vive e lavora a Londra. Dopo aver completato un apprendistato in ebanisteria si trasferisce a Vienna, dove studia prima scultura presso l'Accademia di belle arti, poi design del prodotto all'Università delle arti applicate. Nel 1996 ritorna in Italia lavorando da freelance per diversi designer basati a Milano, tra cui il collega sudtirolese Matteo Thun. Nel 1998 si trasferisce a Londra per studiare al Royal College of Art (Rca) sotto la guida di Ron Arad. Tutt'oggi vive a Londra e insegna al Rca, e i suoi lavori comprendono una vasta gamma di progetti, tra cui mostre, design di interni, progetti su commissione e prodotti in serie.

Il lavoro di Gamper ha come nucleo la destrutturazione degli stilemi passati, con l’obiettivo di riconfigurare nuovi elementi che trovano assonanze nelle forme più contemporanee dell’esperienza visuale. Nel processo creativo, che risulta sempre sul confine tra arte, artigianato e design, nulla si perde davvero, ma tutto sembra rinnovarsi, riacquistando vita, attraverso oggetti dalle molte sfaccettature. Il legno è il materiale prediletto, spesso suddiviso in campiture di colori pastello, e spesso inframezzato a frammenti e scarti, che sono da sempre elementi archetipici della sua ricerca.

Gamper ha presentato i suoi lavori e progetti a livello internazionale, tra le quali è bene citare: «Middle Chair», The Modern Institute at Pollock House, Glasgow (2017); «Below Stairs», Museo Sir John Soane, Londra, Regno Unito (2016); «100 Chairs in 100 Days», MIMOCA, Marugame, Giappone (2015); «Il design è uno stato mentale», Serpentine Sackler Gallery, Londra (2014); «Period Room», Palais De Tokyo, Parigi; «Tu casa, mi casa», The Modern Institute, Glasgow (2013); «Bench Years», commissione del London Design Festival, V&A Museum, Londra (2012); «Gesamtkunsthandwerk» (Karl Fritsch, Martino Gamper e Francis Upritchard), Govett-Brewster Art Gallery, New Plymouth - Nuova Zelanda (2011).

• Premio Moroso per l'arte contemporanea, 2011
• Premio Wallpaper per il miglior uso del colore, 2011
• Wallpaper Award per il miglior alchimista, 2008
• Brit Insurance Designs of the Year, vincitore del Furniture Award per "100 Chairs in 100 Days", 2008

Martino Gamper, Merano, 1971
Gallerie e prezzi
• Galleria Franco Noero (Torino)
• Nilufar Gallery (Milano)
• Sculture e oggetti (2 mila-15mila euro)


CONTINENTE ITALIA
Una mappa dell'arte italiana nel 2021

0. La mappa degli esperti di Franco Fanelli
1. La mappa di Lorenzo Balbi
2. La mappa di Luca Massimo Barbero
3. La mappa di Freddy Battino
4. La mappa di Chiara Bertola
5. La mappa di Gemma de Angelis Testa
6. La mappa di Danilo Eccher
7. La mappa di Giuliano Gori
8. La mappa di Giulio di Gropello
9. La mappa di Giorgio Guglielmino
10. La mappa di Francesco Nucci
11. La mappa di Claudio e Maria Grazia Palmigiano
12. La mappa di Natalina Remotti
13. La mappa di Sergio Risaliti
14. La mappa di Stefano Sciarretta
15. La mappa di Vincenzo Trione
16. La mappa di Giorgio Verzotti
17. La mappa di Vincenzo De Bellis
18. I 135 artisti italiani su cui gli esperti scommettono
19. Rä di Martino
20. Sabrina Mezzaqui
21. Sissi
22. Giulia Cenci
23. Gianni Politi
24. Giovanni Ozzola
25. Alice Cattaneo
26. Salvatore Emblema
27. Claudio Costa
28. Stefano Arienti
29. Mario Airò
30. Chiara Camoni
31. Benni Bosetto
32. Artisti italiani, virtuosi non virtuali di Franco Fanelli
33. I Cercatori d'oro di Franco Fanelli
33. Arcangelo Sassolino
34. Gianfranco Baruchello
35. Simone Berti
36. Irma Blank
37. Monica Bonvicini
38. Ludovica Carbotta
39. Formafantasma
40. Martino Gamper

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Riccardo Deni
Altri articoli in PERSONE