Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Che cosa collezionava il cancelliere Schmidt

Alla Ernst Barlach Haus di Amburgo una raccolta esposta per la prima volta al pubblico

Emil Nolde, «Dalie (gialle e viola) in un vaso». Sammlung Helmut und Loki Schmidt. © Nolde Stiftung Seebüll. Foto di Andreas Weiss

Helmut Schmidt è stato cancelliere dell’allora Repubblica Federale Tedesca dal 1974 al 1982, successore di Willy Brandt e a lungo attivo in politica nelle fila del partito di sinistra Spd. Insieme alla sua compagna di vita Loki diede vita a un sodalizio non solo sentimentale: i due condividevano la passione per l’arte, la musica e la filosofia, Schmidt stesso amava dipingere, e i salotti delle loro due abitazioni amburghesi erano come piccole gallerie d’arte.

La loro attività di collezionisti viene raccontata dalla mostra «L’arte del cancelliere: la collezione Helmut e Loki Schmidt» che la Ernst Barlach Haus ospita dal 4 ottobre al 31 gennaio: è la prima volta che la raccolta privata della coppia viene mostrata al pubblico.

Vengono presentati circa 150 fra dipinti, sculture e oggetti di artigianato, in particolar modo opere di Barlach, di Emil Nolde e di artisti della Colonia di Worpswede e di molti altri nomi del contemporaneo fra cui Chagall, Cocteau, Dalí, Otto Dix, Goya, Hermann Hesse, Kokoschka, Käthe Kollwitz, Alfred Kubin, August Macke, Miró, Otto Modersohn, Paula Modersohn-Becker, Henry Moore, Edvard Munch, Fritz Overbeck, Max Pechstein e Picasso.

Francesca Petretto, da Il Giornale dell'Arte numero 411, ottobre 2020



GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012