Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Blaue Brothers

Franz Marc e August Macke al Musée de l'Orangerie

«Il sogno», di Franz Marc, 1912. © Museo Nacional Thyssen-Bornemisza, Madrid

Il Musée de l’Orangerie presenta, per la prima volta a Parigi, le opere di Franz Marc (1880-1916) e Auguste Macke (1887-1914), figure centrali del movimento espressionista Der Blaue Reiter (Il cavaliere azzurro), che contribuirono a fondare nel 1909, a Monaco di Baviera, insieme a Klee e Kandinskij.

Marc e Macke, che furono molto amici, condivisero le influenze di Cézanne, Van Gogh e Gauguin e più tardi la scoperta delle avanguardie parigine, Cubismo e Fauvismo soprattutto. Nel 1911 parteciparono alla stesura del Der Blaue Reiter Almanach, che promuoveva un approccio intuitivo e multidisciplinare dell’arte, e dal 1912, influenzati dal Futurismo e da Robert Delaunay, sperimentarono l’Astrattismo.

Arruolati entrambi nel 1914, morirono giovanissimi a pochi mesi di distanza, sul fronte francese. La monografica «Franz Marc e August Macke. L’avventura del Cavaliere azzurro», dal 6 marzo al 17 giugno, allestisce un centinaio di opere, con lavori anche di Delaunay, Kandinskij e Cézanne. Anche se molto vicini, i due artisti svilupparono stile diversi.

Erede della tradizione romantica tedesca, Marc si interessò allo studio della natura e dipinse gli animali, con uno stile fresco e personale, come in «Der Traum» (Il sogno), del 1912, prestato dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid. Macke, più riservato e sensibile al Simultaneismo di Delaunay, si interessò allo studio della forma e del colore sfociato nel vibrante cromatismo di «Clown», del 1913.

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012