Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Arcadia e Apocalisse a Palazzo Pretorio

Una riflessione sul paesaggio, lavagna su cui si scrivono gli eventi storici e le grandi trasformazioni sociali

«Ecologia visiva» (2013) di GAME (Gabriele Meschi) (particolare)

Pontedera (Pi). La riflessione sul paesaggio, così centrale nel dibattito odierno sull’ambiente, è il tema della mostra che si tiene al PALP, Palazzo Pretorio di Pontedera, sino al 26 aprile, ideata e curata da Daniela Fonti e Filippo Bacci di Capaci. Il titolo «Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni» rimanda al dualismo che segna in modo netto la sensibilità degli artisti, in un arco temporale di forti mutamenti.

Il paesaggio è infatti, per così dire, la lavagna su cui si scrivono gli eventi storici e le grandi trasformazioni sociali: dalla campagna toscana dei macchiaioli negli anni dell’Unità d’Italia, a quella delle paludi dell’agro pontino di Sartorio, poi bonificate, con la fondazione di città nuove razionaliste (Cambellotti); il paesaggio è trasfigurato nella luce della pennellata divisionista (Morbelli, Vittore Grubicy de Dragon), ma anche nell’idealismo cosmico di certe sperimentazioni futuriste.

Rifugio esistenziale (Rosai, Morandi), o luogo di denuncia di problemi sociali irrisolti (Viani), o invece strumento per promuovere un ruralismo di virtù e incorrotti sentimenti (Soffici), il paesaggio è anche quello devastato dalle demolizioni dei grandi piani urbanistici (Mafai o Afro Basaldella), così affine alle fotografie di Mimmo Jodice dei bombardamenti; distruzioni belliche rese in chiave più metaforica da Levi o Pirandello.

E se negli anni ’60 il paesaggio è esperienza profondamente individuale (Tancredi, Turcato), riprende vigore nelle ricerche di Schifano o Patella e nello sguardo di fotografi quali Ghirri e Guido Guidi. La riflessione sul paesaggio italiano prosegue quale racconto aperto, affidato spesso a video o a installazioni, come quelle dei progetti di Pistoletto, esprimendo una capacità di resilienza, ben colta dagli scatti di Giacomelli o di Basilico.

Infine i curatori ci ricordano gli «arcadici» dialoghi tra arte e paesaggio proposti dai parchi di arte ambientale, documentati dalle foto di Aurelio Amendola. La mostra è promossa dalla Fondazione per la Cultura Pontedera, dal Comune di Pontedera e dalla Fondazione Pisa, con il contributo della Regione Toscana.

Laura Lombardi, da Il Giornale dell'Arte numero 403, dicembre 2019



GDA Abbonamenti 2020





GDA410 SETTEMBRE 2020

GDA410 Vernisage

GDA410 GDEconomia

GDA410 GDMostre

GDA410 Vedere a Milano

GDA410 Vedere a Venezia

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012