Aquileia, volti feriti da Palmira

Nel Museo Archeologico Nazionale in mostra reperti palmireni: sarà anche l'occasione per restaurarne alcuni

Ritratto femminile da rilievo funerario Seconda metà II-inizi III secolo d.C. Calcare, 30 x 26 x 18 cm Civico Museo Archeologico di Milano
Veronica Rodenigo |

Aquileia (Udine). Continua ad Aquileia il percorso «Archeologia Ferita», iniziato nel 2015 con la mostra dei tesori del museo del Bardo di Tunisi e proseguito nell’estate del 2016 con l’esposizione di oltre 20 manufatti («Leoni e tori dall’antica Persia ad Aquileia») provenienti del Museo Archeologico Nazionale di Teheran e da quello di Persepoli. L’obiettivo: far conoscere al grande pubblico quanto sta accadendo nei luoghi teatro di distruzioni per mano del fondamentalismo islamico attraverso opere provenienti da quelle aree.
Il prossimo appuntamento è la mostra «Volti di Palmira ad Aquileia», a cura di Marta Novello e Cristiano Tiussi, che rimarrà allestita dal 2 luglio al 3 ottobre negli spazi del Museo Archeologico Nazionale, frutto della collaborazione tra il museo, la Fondazione Aquileia e il Polo Museale del Friuli Venezia Giulia. Sedici in tutto i reperti originari di Palmira e
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Stele con coppia di coniugi Fine I secolo a.C. Calcare, 54 x 105 x 35 cm Museo Archeologico Nazionale di Aquileia © Gianluca Baronchelli Rilievo funerario con ritratto di Šalamallat Seconda metà II-inizi III secolo d.C. Calcare, 55 x 41 x 23 cm Terra Sancta Museum - sezione archeologica, Gerusalemme © Gianluca Baronchelli Testa di sacerdote da sarcofago palmireno Seconda metà II-inizi III secolo d.C. Calcare, h. 30 cm Terra Sancta Museum - sezione archeologica, Gerusalemme © Gianluca Baronchelli Altare dedicato al sole altissimo, Seconda metà I secolo d.C. Marmo greco, 84,5 x 53 x 53 cm Musei Capitolini di Roma Lacerto con personificazione dell’Africa Seconda metà II secolo d.C. Calcare, marmo, 30 x 31 cm Terra Sancta Museum - sezione archeologica, Gerusalemme © Gianluca Baronchelli
Altri articoli di Veronica Rodenigo