Ancona ricuce con la luce

Con il Progetto Waterfront il Comune sta riqualificando un’ampia porzione di città: dall’Anfiteatro romano alla Mole Vanvitelliana passando per il porto e l’Arco di Traiano

Il Progetto Waterfront sta ridisegnando un'ampia porzione della città di Ancona. Foto Sergio Marcianesi, Comune di Ancona
Stefano Miliani |  | Ancona

Dal fronte del porto all’Anfiteatro romano, nicchia d’antico costipata tra le case e il promontorio su cui svetta il Duomo romanico di San Ciriaco, Ancona sale per vicoli, palazzi, squarci di un fascino urbano in gran parte ignorato dai turisti. Proprio sulla fascia che dal mare sale al Colle Guasco il Comune sta realizzando il «Progetto Waterfront» per riqualificare una porzione della città.

L’assessore alla Cultura, Politiche giovanili e Turismo Paolo Marasca ne illustra il significato: «Il progetto, seguito dalla mia collega Ida Simonella e già finanziato, raccorda il porto antico con il suo Arco di Traiano, con il centro storico e con i siti archeologici fino all’Anfiteatro, tanto è vero che vi partecipa anche la Soprintendenza delle Marche. L’intero piano tende a ricomporre il trauma violentissimo subito durante i bombardamenti dal 1943 al 1944: si persero vicoli, strade antiche. Poi il
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani