Ad Urbino il pubblico e il privato si aiutano a Palazzo Ducale

La raccolta d'arte della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro sarà esposta per cinque anni nella Galleria Nazionale delle Marche, che aprirà dieci sale (già restaurate)

Il cortile d'onore del Palazzo Ducale di Urbino, sede della Galleria Nazionale delle Marche. Foto: Wikipedia
Stefano Miliani |  | Urbino

Per la Galleria Nazionale delle Marche è un bel colpo: nel prossimo anno Palazzo Ducale passerà da 85 a 95 sale aperte e, oltre ai suoi Piero della Francesca, Raffaello e Tiziano, esporrà inoltre 140 dipinti e 155 ceramiche della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro la cui raccolta d’arte va in deposito nel museo per cinque anni rinnovabili.

I pezzi sono opera perlopiù di autori marchigiani quali il quattrocentesco Giovanni Antonio da Pesaro, Federico Zuccari del secondo ’500, pittori seicenteschi quali Simone Cantarini e Giovan Francesco Guerrieri fino al settecentesco Alessio De Marchis, ma la parte più cospicua della collezione comprende artisti del XIX e XX secolo legati al territorio regionale come Anselmo Bucci o Fernando Mariotti, tra molti altri. La raccolta sarà esposta al secondo piano in stanze che richiedono lavori per i nuovi impianti, dall’elettricità alla
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani
Altri articoli in MUSEI