A Chambord di nuovo i giardini

Luana De Micco |  | Chambord

Ci sono voluti 15 anni di studi e 3,5 milioni di euro per restituire al Castello di Chambord i suoi giardini alla francese lungo la facciata nord e nord-est abbandonati tra le due guerre, e ridotti negli anni Settanta a un semplice prato. Fu il re Francesco I ad avviare i lavori del castello nel 1516, ma l’allestimento del giardino si deve a Luigi XIV che lo commissionò al suo primo architetto, Jules-Hardouin Mansart (i lavori iniziarono nel 1684).


Per ricostituire i giardini come erano all’epoca del Re Sole sono state necessarie lunghe ricerche d’archivio, ma sono stati ritrovati i documenti delle varie tappe dell’avanzamento dei lavori e degli allestimenti successivi fino al 1750. Sondaggi archeologici hanno permesso di rinvenire alcune vestigia del giardino del Settecento.


Il cantiere di ricostituzione è iniziato lo scorso agosto: su una superficie di 6,5 ettari, sono stati piantati 600
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Luana De Micco