«All Day Night Smoke», 2018, di Monica Bonvicini. © Monica Bonvicini e VG-Bild Kunst. Fotografia di Iris Ranzinger. Cortesia dell’artista e di Galleria Raffaella Cortese, Milano; König Galerie, Berlino; Galerie Peter Kilchmann, Zurigo; Mitchell-Innes & Nash, New York

Image

«All Day Night Smoke», 2018, di Monica Bonvicini. © Monica Bonvicini e VG-Bild Kunst. Fotografia di Iris Ranzinger. Cortesia dell’artista e di Galleria Raffaella Cortese, Milano; König Galerie, Berlino; Galerie Peter Kilchmann, Zurigo; Mitchell-Innes & Nash, New York

Monica Bonvicini e Mauro Restliffe alle Ogr

Personale dell'artista veneziana al Binario 1 e del fotografo brasiliano al Binario 2

Qualche volta l’apparenza inganna, ma qualche volta no. Imponenti e austere architetture rispecchiano spesso le strutture di potere di cui sono emanazione. Un tema caro a Monica Bonvicini (1965), che da sempre indaga la relazione tra architettura e condizionamenti culturali. All’artista veneziana (di nascita) dedicano una personale le Ogr, nel Binario 1 dal 31 ottobre a 9 febbraio.

Le ex Officine Grandi Riparazioni, con le immense navate in cui un tempo si riparavano i convogli ferroviari, hanno particolarmente ispirato l’artista, che per l’occasione ha realizzato un progetto site specific intriso di riferimenti storici, politici e sociali.

La nuova installazione, pulita, asciutta e rigorosa, pone il visitatore a tu per tu con il confine tra pubblico e privato, passato e futuro, sorveglianza, potere e sottomissione. Il Binario 2, invece, dal 31 ottobre al 5 gennaio, ospita la prima personale italiana del fotografo brasiliano Mauro Restiffe.

I suoi scatti in bianco e nero, appositamente realizzati, raffigurano architetture di Torino e altre città italiane di architetti come Carlo Mollino, Piero Portaluppi, Franco Albini e Carlo Scarpa, amplificando il dialogo tra uomo, architettura e paesaggio affrontato dalla Bonvicini.

Nello spazio Duomo, infine, dall’1 al 3 novembre, Artissima Telephone, nuova sezione distaccata della fiera d’arte contemporanea voluta da Ilaria Bonacossa (direttrice di Artissima) e curata da Vittoria Martini.

«All Day Night Smoke», 2018, di Monica Bonvicini. © Monica Bonvicini e VG-Bild Kunst. Fotografia di Iris Ranzinger. Cortesia dell’artista e di Galleria Raffaella Cortese, Milano; König Galerie, Berlino; Galerie Peter Kilchmann, Zurigo; Mitchell-Innes & Nash, New York

Jenny Dogliani, 29 ottobre 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Quindici formelle realizzate ad affresco su supporti in terracotta con spolveri ottenuti da matrici ricavate da pagine di libri mangiate da tarli e pesciolini d'argento. «Accanto», il nuovo lavoro dell’artista senese entra nelle collezioni del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe nel museo di Santa Croce sull’Arno. A presentarlo una tavola rotonda per riflettere sulla grafica contemporanea e l’utilizzo di materiali della tradizione storico artistica

189 gallerie, straniere per la maggior parte, provenienti da 34 Paesi e quattro continenti. 37 prime partecipazioni e 66 progetti monografici, dislocati nelle consuete sezioni. E anche 11 premi, uno al suo debutto. Ecco i primi numeri della 31ma Artissima, la terza diretta da Luigi Fassi, presentata oggi all’NH Collection Hotel Piazza Carlina a Torino. Una fiera sofisticata, capace di fare ricerca, di approfondire e di scommettere su singole pratiche artistiche e su scenari emergenti per coniugare, attraverso il contenuto, cultura e mercato

Nell’Heydar Aliyev Center, progettato nel 2012 a Baku, in Azerbaijan, da Zaha Hadid per trasformare il Paese in un punto di riferimento per la grande arte contemporanea internazionale, la prima mostra dedicata a uno scultore italiano, con 39 opere delle quali 19 inedite e site specific

Prosegue il programma in 13 tappe intitolato «Dalle sculture nella città all’arte delle comunità», curato da Marcello Smarelli per Pesaro 2024 e ispirato alla storica mostra «Sculture nella città», con la quale Arnaldo Pomodoro ha ridisegnato Pesaro grazie alle sue monumentali scultura dislocate nelle vie del centro storico. Un progetto che ora si evolve coinvolgendo artisti e cittadini in un’unica grande visione collettiva

Monica Bonvicini e Mauro Restliffe alle Ogr | Jenny Dogliani

Monica Bonvicini e Mauro Restliffe alle Ogr | Jenny Dogliani