«Panorama grotesque», di Hervé Di Rosa. © Hervé Di Rosa, ADAGP, Paris, 2023

Image

«Panorama grotesque», di Hervé Di Rosa. © Hervé Di Rosa, ADAGP, Paris, 2023

La prima edizione del Festival du Dessin di Arles

Mille opere di una quarantina di artisti, del passato e del presente, allestite in diversi luoghi della città

La prima edizione del nuovo Festival du dessin si tiene dal 22 aprile al 14 maggio, a poche settimane dalla «Semaine du dessin» parigina (svoltasi a fine marzo). È il nuovo evento culturale di Arles, cittadina provenzale già sede della Fondation Van Gogh e del centro culturale Luma, e che ogni anno ospita il festival Les Rencontres de la Photographie (l’appuntamento è dal prossimo 3 luglio).

Nasce da un’idea di Vera Michalski, presidente del gruppo editoriale Libella e fondatrice della Fondation Jan Michalski di Montricher, in Svizzera. Il suo direttore artistico è Frédéric Pajak, disegnatore, scrittore ed editore. Per questa prima edizione sono state selezionate circa mille opere di una quarantina di artisti, del passato e del presente, allestite in diversi luoghi della città, come il Musée Réattu, l’Espace van Gogh, il Palais de l’Archevêché o ancora l’Eglise des Trinitaires

L’obiettivo è di offrire ogni anno un panorama sfaccettato di questa forma d’arte che, sottolinea Pajak, è «il primo linguaggio creativo dell’uomo. Mancava ancora al disegno un festival aperto, che si rivolgesse a tutti e non si limitasse a una tendenza o a uno stile». Tra le opere esposte, le litografie di Pierre Alechinsky, cofondatore del gruppo Cobra, le opere naïf di Aloïse, figura maggiore dell’Art brut, i «panorami grotteschi» di Hervé Di Rosa, le caricature e i disegni satirici di Victor Hugo, le vignette surreali di Roland Topor.

Esposti poi i lavori di Nadine de Koenigswarter, Denis Lopatine, Pat Noser o ancora Olivier O. Olivier. È presentata infine una mostra omaggio a Sempé, storico illustratore di «The New Yorker» e autore di poetici scorci di Parigi, scomparso nel 2022.

«Panorama grotesque», di Hervé Di Rosa. © Hervé Di Rosa, ADAGP, Paris, 2023

Luana De Micco, 21 aprile 2023 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Si chiama Neom la megalopoli futuristica, dal costo di 500 miliardi di dollari e dalle dimensioni gigantesche di una catena montuosa. Utilizzerà energie rinnovabili «a zero emissioni», ma persino i francesi contestano a Edf, partner connazionale, il fatto che il progetto sia disumano e insostenibile

Opere in ceramica che rappresentano bizzarre creature ibride, tra uomo, animale ed elementi naturali arricchiscono il suggestivo percorso espositivo nella galleria Perrotin

La competizione sportiva più famosa al mondo è fonte d’ispirazione generalizzata per le più diverse mostre cittadine, al Louvre, al Marmottan-Monet, al Musée du Luxembourg e al Palais de la Porte Dorée

Gallerie di tendenza ma anche esercizi storicizzati della Ville Lumière partecipano alla 26ma edizione della fiera parigina, che il prossimo anno tornerà «a casa»

La prima edizione del Festival du Dessin di Arles | Luana De Micco

La prima edizione del Festival du Dessin di Arles | Luana De Micco