«Salto ontologico / Braccio» (1974) di VALIE EXPORT. © VALIE EXPORT, diritti d’autore Vienna, 2020. Cortesia VALIE EXPORT

Image

«Salto ontologico / Braccio» (1974) di VALIE EXPORT. © VALIE EXPORT, diritti d’autore Vienna, 2020. Cortesia VALIE EXPORT

Contatto e separazione secondo VALIE EXPORT

Alla Staatliche Kunsthalle di Baden-Baden un tema cruciale in epoca di Coronavirus

Il lavoro di VALIE EXPORT (scritto proprio così, tutto in maiuscole), comprende installazioni video, performance, cinema espanso, animazioni al computer, fotografia, sculture e pubblicazioni sull’arte contemporanea. Nella personale «VALIE EXPORT. Frammenti di un contatto» alla Staatliche Kunsthalle di Baden-Baden dal 31 ottobre al 31 dicembre l’artista austriaca (Linz, 1940) si concentra con installazioni e altri gruppi di opere miste sul tema del tocco, suo prediletto, non solo in quanto tatto, ma anche e soprattutto contatto, esperienza fisica e sensibile/sentimentale al contempo, ricca di spunti da sviluppare coi diversi linguaggi artistici. Il punto di contatto è definizione del confine di separazione e anche limen tra diverse realtà che siano quelle del corpo in uno spazio o di due o più corpi l’uno rispetto all’altro/agli altri.

L’argomento è di cocente attualità, trovandoci noi tutti costretti all’allontanamento sociale imposto dalla pandemia di Covid-19: non siamo più noi a decidere da chi o da cosa separarci/con chi o cosa unirci, sono il Coronavirus e il nostro senso di responsabilità a imporci nuove norme comportamentali, nuove premure e limiti prima impensabili. Potremo tornare a vivere il contatto e/o il nostro senso del tatto come una volta? Oppure, come indica il titolo della mostra, saremo costretti a viverli incompiutamente, in modo frammentato?

Da molti anni l’arte di VALIE EXPORT ragiona sul tema del limite, sulla sua definizione e sul suo possibile attraversamento (forse proibito) in quanto confine: in questa personale allestita a Baden-Baden si possono apprezzare le precise osservazioni e le analisi fatte dall’artista austriaca di costrutti e costrizioni sociali e mediatici, comprendere le forme e i media prescelti per esprimerle artisticamente. Come ad esempio il cinema, in particolar modo il cosiddetto «cinema espanso» della EXPORT a cui è dedicata un’intera sezione speciale della mostra.

«Salto ontologico / Braccio» (1974) di VALIE EXPORT. © VALIE EXPORT, diritti d’autore Vienna, 2020. Cortesia VALIE EXPORT

Francesca Petretto, 30 ottobre 2020 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Accordo storico tra Ministero, Stati federali e autorità locali: i beni saccheggiati dai nazisti potranno essere pretesi senza prescrizione di tempo e anche senza il consenso dei musei

Oltre 450 pezzi raccontano in tre musei la verità sui rapporti tra la più importante scuola d’avanguardia del XX secolo e il nazismo 

Nella Berlinische Galerie l’artista franco-algerino diffonde «un desiderio di pacifismo e di consapevolezza democratica per evitare che i nostri governanti ci trascinino in un’altra guerra

Un’artista di punta della Performance art trasforma l’Historische Halle dell’Hamburger Bahnhof in un paesaggio vivente 

Contatto e separazione secondo VALIE EXPORT | Francesca Petretto

Contatto e separazione secondo VALIE EXPORT | Francesca Petretto