«Salto ontologico / Braccio» (1974) di VALIE EXPORT. © VALIE EXPORT, diritti d’autore Vienna, 2020. Cortesia VALIE EXPORT

Image

«Salto ontologico / Braccio» (1974) di VALIE EXPORT. © VALIE EXPORT, diritti d’autore Vienna, 2020. Cortesia VALIE EXPORT

Contatto e separazione secondo VALIE EXPORT

Alla Staatliche Kunsthalle di Baden-Baden un tema cruciale in epoca di Coronavirus

Il lavoro di VALIE EXPORT (scritto proprio così, tutto in maiuscole), comprende installazioni video, performance, cinema espanso, animazioni al computer, fotografia, sculture e pubblicazioni sull’arte contemporanea. Nella personale «VALIE EXPORT. Frammenti di un contatto» alla Staatliche Kunsthalle di Baden-Baden dal 31 ottobre al 31 dicembre l’artista austriaca (Linz, 1940) si concentra con installazioni e altri gruppi di opere miste sul tema del tocco, suo prediletto, non solo in quanto tatto, ma anche e soprattutto contatto, esperienza fisica e sensibile/sentimentale al contempo, ricca di spunti da sviluppare coi diversi linguaggi artistici. Il punto di contatto è definizione del confine di separazione e anche limen tra diverse realtà che siano quelle del corpo in uno spazio o di due o più corpi l’uno rispetto all’altro/agli altri.

L’argomento è di cocente attualità, trovandoci noi tutti costretti all’allontanamento sociale imposto dalla pandemia di Covid-19: non siamo più noi a decidere da chi o da cosa separarci/con chi o cosa unirci, sono il Coronavirus e il nostro senso di responsabilità a imporci nuove norme comportamentali, nuove premure e limiti prima impensabili. Potremo tornare a vivere il contatto e/o il nostro senso del tatto come una volta? Oppure, come indica il titolo della mostra, saremo costretti a viverli incompiutamente, in modo frammentato?

Da molti anni l’arte di VALIE EXPORT ragiona sul tema del limite, sulla sua definizione e sul suo possibile attraversamento (forse proibito) in quanto confine: in questa personale allestita a Baden-Baden si possono apprezzare le precise osservazioni e le analisi fatte dall’artista austriaca di costrutti e costrizioni sociali e mediatici, comprendere le forme e i media prescelti per esprimerle artisticamente. Come ad esempio il cinema, in particolar modo il cosiddetto «cinema espanso» della EXPORT a cui è dedicata un’intera sezione speciale della mostra.

«Salto ontologico / Braccio» (1974) di VALIE EXPORT. © VALIE EXPORT, diritti d’autore Vienna, 2020. Cortesia VALIE EXPORT

Francesca Petretto, 30 ottobre 2020 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

All’Hamburger Kunsthalle 120 opere del poeta e artista inglese in prestito dal Fitzwilliam Museum di Cambridge

Oltre 250 opere per «The Velvet Rage», il libro che descrive che cosa significa essere omosessuali in un mondo etero

La prima personale in Germania del fotografo afroamericano tra fotografia e videoarte all’Amerika Haus di Berlino

Installazioni, fotografie e neon dell’artista israeliana, protagonista del Padiglione tedesco alla Biennale di Venezia, in mostra a Brema

Contatto e separazione secondo VALIE EXPORT | Francesca Petretto

Contatto e separazione secondo VALIE EXPORT | Francesca Petretto