«Le champ», 2019, di Luc Delahaye. © Luc Delahaye. Cortesia dell’artista e della Galerie Nathalie Obadia, Parigi/Bruxelles

Image

«Le champ», 2019, di Luc Delahaye. © Luc Delahaye. Cortesia dell’artista e della Galerie Nathalie Obadia, Parigi/Bruxelles

La poesia di un villaggio africano

Tableau a colori in grande formato e immagini in bianco e nero di Luc Delahaye alla Huis Marseille

Spiritualità e vita materiale di un piccolo villaggio africano nelle fotografie di «Le Village», la nuova esposizione di Luc Delahaye allestita fino al 13 marzo nella Huis Marseille. Attraverso tableau a colori in grande formato e immagini più piccole in bianco e nero, il fotografo francese (1962) racconta il suo lungo soggiorno in un villaggio della regione di Futa-Toro, nel nord del Senegal, dove i gesti materiali di un’esistenza durissima convivono con i simboli di antichi miti e credenze.

Affermatosi nella fotografia documentaria con immagini caratterizzate da distacco e immediatezza, l’approccio descrittivo di Delahaye si arricchisce qui di un modo di narrare la realtà reinterpretata attraverso la memoria, tra realismo e immaginario. Il fotografo infatti registra mentalmente persone e frammenti di vita quotidiana per poi ricreare le scene, anche a settimane di distanza, come quadri che per attori hanno gli abitanti stessi.

Il risultato sono fotografie capaci di trasmettere la complessità di un villaggio in apparenza semplice, e di opporre alla freddezza di uno sguardo esterno l’intensità emotiva dei soggetti rappresentati. «Ogni foto era come una parola o una parte di una frase, dice l’artista, e con questo ho cercato di comporre una poesia, una poesia in prosa».

«Le champ», 2019, di Luc Delahaye. © Luc Delahaye. Cortesia dell’artista e della Galerie Nathalie Obadia, Parigi/Bruxelles

Mario Alberto Ratis, 17 gennaio 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Da The Photographers’ Gallery più di 100 fotografie, documenti, ephemera e interviste video selezionati dai curatori Anne-Marie Beckmann e Andrea Holzherr

Fra archivi familiari e finzione, l’artista sudafricana si aggiudica uno dei più prestigiosi riconoscimenti nel campo della fotografia contemporanea

L’artista britannica ha fotografato i più importanti movimenti underground e di protesta degli ultimi quarant’anni, dagli albori del punk londinese a Black Lives Matter

Il Centro Saint-Bénin di Aosta ospita stampe vintage per una prima grande ricognizione sulla fotografia di moda

La poesia di un villaggio africano | Mario Alberto Ratis

La poesia di un villaggio africano | Mario Alberto Ratis