«Afrodite» di Antonio Canova

Foto © Luigi Spina

Image

«Afrodite» di Antonio Canova

Foto © Luigi Spina

Il Canova di Spina, splendido anche nelle sue imperfezioni

Una campagna fotografica, quattro volumi, una mostra, un allestimento permanente: nel Museo Gypsotheca di Possagno trentadue scatti in bianco e nero di grande formato  del fotografo campano interpretano i gessi del grande scultore neoclassico

Una campagna fotografica realizzata in quattro anni, a partire dal 2019, quattro i volumi che ne sono stati realizzati, editi da 5 Continents Editions, il terzo dei quali è stato recentemente premiato con medaglia d’oro come miglior libro d’arte da Icma-International Editorial Design & Research Forum, mentre l’ultimo si presenta proprio ora. 

Realizzata da Luigi Spina, è accompagnata da testi di Vittorio Sgarbi ed è tutta dedicata al racconto fotografico del Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno. «Il progetto “Canova Quattro Tempi” di Luigi Spina, spiega Moria Mascotto, direttrice della Gypsotheca, ha dato vita a due anime diverse: non solo i quattro volumi che corrispondono a ogni singola ricerca condotta da Spina sui gessi, ma anche una mostra che sarà inaurata sabato 20 aprile (resterà visitabile fino al 29 settembre, Ndr)». 

La mostra è composta da trentadue scatti in bianco e nero che saranno esposti in dialogo con le opere in gesso di Canova e si sviluppa in tre sezioni, raccolte intorno ai temi amorosi, mitologici o eroici a cui l’artista si è ispirato. «Il suo punto di forza, continua Mascotto, sta nella valorizzazione dell’opera in gesso di Canova, raccontando oltre alla poetica dello scultore, anche la storia che ha vissuto mostrandoci i suoi segni, le sue imperfezioni, elementi che entrano a far parte in qualche modo dell’opera stessa».

Le foto di Luigi Spina entreranno a far parte del Museo di Possagno, e, come spiega ancora la direttrice, «permetteranno, una volta conclusa la mostra, di dar vita a nuovi progetti espositivi con importanti istituzioni museali nazionali e internazionali con i quali siamo già in dialogo. Il progetto diverrà così messaggero del Museo e del genio canoviano e, al contempo, farà nascere nuove virtuose collaborazioni».

«Adone incoronato da Venere» di Antonio Canova. Foto © Luigi Spina

Camilla Bertoni, 17 aprile 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Un libro di Gabriele Salvaterra va alla ricerca delle radici ottocentesche del concetto di superficie ripercorrendone il cammino artistico, letterario e filosofico 

Una ciclovia panoramica a rischio di frane che costa come un’autostrada (8 milioni a km) e che taglia le coste, alberghi e parchi a tema, speculazioni edilizie nel paesaggio ritratto da Corot e da Klimt, la bomba ecologica a orologeria del collettore fognario e indagini della Procura: «Più turisti non faranno che aggravare un sistema già stressato ai limiti», lancia l’allarme Italia Nostra

Nel vicentino due mostre con un occhio al territorio

Nasce dalla donazione di 17 opere la retrospettiva a Ca’ Pesaro su «l’uomo che cambiò il corso della pubblicità italiana del dopoguerra» 

Il Canova di Spina, splendido anche nelle sue imperfezioni | Camilla Bertoni

Il Canova di Spina, splendido anche nelle sue imperfezioni | Camilla Bertoni