FRANCESCO BANDARIN

Nel 1979 fu un’«eccezione» l’iscrizione di Auschwitz nella Lista del Patrimonio mondiale, ma ormai sono numerosi i siti «protetti» di guerre, torture e genocidi, oggi di tragica attualità. Ognuno è un «rischio politico» perché implica un colpevole

Per risolvere il problema delle condizioni abitative della classe operaia, tra la Prima e la Seconda guerra mondiale la capitale tedesca si arricchì di architetture sociali progettate da grandi nomi dell’epoca

Il più interessante e il meglio conservato tra gli insediamenti olandesi nella regione del Capo di Buona Speranza riflette la controversa vicenda coloniale

Alla ricerca di un passaggio a Nord-ovest del Canada, gli equipaggi di due navi, Hms Erebus e Hms Terror, andarono incontro a un tragico destino

Nel favoloso Regno di Saba in Yemen, con meraviglie di ingegneria minacciate dalla guerra del 2014

PATRIMONIO UNESCO | Alla fine del XIX secolo, con l’apertura del Canale di Suez, l’isola del Mozambico perse la sua importanza e il Governo portoghese decise di trasferire la capitale nel Sud del Paese

Dall’inizio del conflitto il 7 ottobre, distrutti o gravemente danneggiati 186 edifici storici, 39 aree archeologiche, 21 moschee (tra cui la Moschea Al-Omari bombardata l’8 dicembre), 26 santuari, cinque chiese e monasteri. Ecco il punto sui principali monumenti della Striscia e le loro attuali condizioni, secondo i rapporti delle organizzazioni non governative

Le bombe russe arrivano fino al cuore della «perla del Mar Nero», patrimonio Unesco dallo scorso gennaio, provocando gravi danni alla Cattedrale ortodossa della Trasfigurazione già demolita dai sovietici nel 1936 e ricostruita nel 2003

Articoli precedenti

Le bombe russe arrivano fino al cuore della «perla del Mar Nero», patrimonio Unesco dallo scorso gennaio, provocando gravi danni alla Cattedrale ortodossa della Trasfigurazione già demolita dai sovietici nel 1936 e ricostruita nel 2003

Un osservatore privilegiato scruta il Patrimonio mondiale

Già esposto a rischi per le alluvioni stagionali del Nilo, il sito si trova vicino a un’importante miniera d’oro, gestita da una compagnia, la Meroe Gold, controllata dal gruppo di mercenari russi Wagner

Già esposto a rischi per le alluvioni stagionali del Nilo, il sito si trova vicino a un’importante miniera d’oro, gestita da una compagnia, la Meroe Gold, controllata dal gruppo di mercenari russi Wagner

In Norvegia settentrionale un arcipelago formato da otto isole maggiori e molte minori, tra il 68mo e il 69mo parallelo, sopra il Circolo Polare Artico

L’area si trova al confine di due placche tettoniche (pacifica e australiana) ed è caratterizzata da un’intensa attività geotermica e da terremoti

Il sito è un immenso paesaggio culturale sacro, realizzato nel corso di oltre quattro secoli nella città che fu la capitale del Regno di Bagan (849-1287 d.C.), una delle più importanti formazioni statali dell’antico Sud-est asiatico

Nel 2010 una vastissima area marina che copre una superficie di oltre 1,5 milioni di chilometri quadrati è stato iscritto nella Lista del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco

Mostra altri