Image
Image

Nei depositi, ma non nascoste

Nei depositi, ma non nascoste

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

<!-- p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 4.2px 0.0px; line-height: 18.0px; font: 16.0px 'Franklin Gothic Std Condensed'} p.p2 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 11.0px; font: 8.5px 'ITC Franklin Gothic Std'} p.p3 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 11.0px; font: 8.5px 'Franklin Gothic Std Condensed'} p.p4 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 11.0px; font: 8.5px 'ITC Franklin Gothic Std'; min-height: 11.0px} p.p5 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 8.0px; font: 7.0px 'ITC Franklin Gothic Std'} span.s1 {font: 16.0px 'Franklin Gothic Std'} span.s2 {font-kerning: none} span.s3 {font: 8.5px Helvetica; font-kerning: none} span.s4 {font: 8.5px 'Franklin Gothic Std'; font-kerning: none} span.s5 {font: 8.5px 'ITC Franklin Gothic Std'} span.Apple-tab-span {white-space:pre} -->

È stato pubblicato Dai depositi. Nei depositi. Restauri e repertori di opere e di opere d’arte nei depositi fiorentini, a cura di Maria Matilde Simari, funzionario responsabile dei depositi delle Gallerie degli Uffizi e coordinatrice di quelli dei beni di provenienza territoriale. Secondo e ultimo volume della serie (il primo era dedicato ai depositi statali), è riservato alle opere provenienti dal territorio, conservate principalmente in cinque depositi: la Limonaia di Villa Corsini, con affreschi staccati e sinopie; le ville medicee di Poggio a Cajano e della Petraia a Castello; il Museo del Cenacolo di Andrea del Sarto a San Salvi e i Laboratori di Restauro della Fortezza da Basso a Firenze.

 

Il volume è l’esito della ricerca condotta da Gioia Romagnoli e Laura Pacciani attraverso una schedatura a tappeto delle opere, alcune delle quali, finora ignote, sono state finalmente attribuite. È il caso, ad esempio, dell’affresco riprodotto nella copertina del libro, conservato nella Limonaia di Villa Corsini di un artista molto vicino a Benozzo Gozzoli, e della bella tavola attribuita dalla stessa Simari al Maestro della Natività Johnson, ora riconosciuto come Domenico di Zanobi, maestro vicino a Filippo Lippi.

 

Un patrimonio che numericamente ammonta, per le opere riferite alla sola città di Firenze (e tenendo conto anche di quelle inventariate nel primo volume), a 1.506 pezzi, di cui 29 riconsegnati ai proprietari e 83 in restauro: ma oltre ai dipinti ingente è il numero di arredi lignei, cornici, candelabri e altre suppellettili. Se dunque si sfata, come sottolinea Eike Schmidt, la «leggenda metropolitana» dei tesori nascosti nei depositi, il pregio di questa ricognizione capillare è l’aver creato uno strumento di lavoro al quale poter attingere per restauri e ricollocazioni future, con l’auspicio, espresso dalla Simari, che gli enti proprietari delle opere si attivino e il destino di queste opere possa essere definito. 

 

Dai depositi. Nei depositi. Restauri e repertori di opere e di opere d’arte nei depositi fiorentini
a cura di Maria Matilde Simari
312 pp. 
50 ill. a colori e 1.200 b/n
Sillabe, Livorno 2016
€ 25,50

 

Laura Lombardi, 15 luglio 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

La manifestazione fiorentina, a Palazzo Corsini, resta la fiera italiana d’arte antica più attesa

Lo straordinario e celeberrimo gruppo bronzeo dello scultore fiorentino è stato restaurato grazie a Friends of Florence

Prosegue con una mostra dell’artista camerunense il progetto Oca sull’Appennino pistoiese

Negli spazi del Centro Pecci l’impegno a produrre nuove forme, minimaliste e barocche al tempo stesso, si confronta con le urgenze del pianeta raccogliendo l’eredità dei gruppi femministi degli anni ’60

Nei depositi, ma non nascoste | Laura Lombardi

Nei depositi, ma non nascoste | Laura Lombardi