Image
Image

Nei depositi, ma non nascoste

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

È stato pubblicato Dai depositi. Nei depositi. Restauri e repertori di opere e di opere d’arte nei depositi fiorentini, a cura di Maria Matilde Simari, funzionario responsabile dei depositi delle Gallerie degli Uffizi e coordinatrice di quelli dei beni di provenienza territoriale. Secondo e ultimo volume della serie (il primo era dedicato ai depositi statali), è riservato alle opere provenienti dal territorio, conservate principalmente in cinque depositi: la Limonaia di Villa Corsini, con affreschi staccati e sinopie; le ville medicee di Poggio a Cajano e della Petraia a Castello; il Museo del Cenacolo di Andrea del Sarto a San Salvi e i Laboratori di Restauro della Fortezza da Basso a Firenze.

Dai depositi. Nei depositi. Restauri e repertori di opere e di opere d’arte nei depositi fiorentini a cura di Maria Matilde SimariIl volume è l’esito della ricerca condotta da Gioia Romagnoli e Laura Pacciani attraverso una schedatura a tappeto delle opere, alcune delle quali, finora ignote, sono state finalmente attribuite. È il caso, ad esempio, dell’affresco riprodotto nella copertina del libro, conservato nella Limonaia di Villa Corsini di un artista molto vicino a Benozzo Gozzoli, e della bella tavola attribuita dalla stessa Simari al Maestro della Natività Johnson, ora riconosciuto come Domenico di Zanobi, maestro vicino a Filippo Lippi.

Un patrimonio che numericamente ammonta, per le opere riferite alla sola città di Firenze (e tenendo conto anche di quelle inventariate nel primo volume), a 1.506 pezzi, di cui 29 riconsegnati ai proprietari e 83 in restauro: ma oltre ai dipinti ingente è il numero di arredi lignei, cornici, candelabri e altre suppellettili. Se dunque si sfata, come sottolinea Eike Schmidt, la «leggenda metropolitana» dei tesori nascosti nei depositi, il pregio di questa ricognizione capillare è l’aver creato uno strumento di lavoro al quale poter attingere per restauri e ricollocazioni future, con l’auspicio, espresso dalla Simari, che gli enti proprietari delle opere si attivino e il destino di queste opere possa essere definito. 

Dai depositi. Nei depositi. Restauri e repertori di opere e di opere d’arte nei depositi fiorentini
a cura di Maria Matilde Simari
312 pp.
50 ill. a colori e 1.200 b/n
Sillabe, Livorno 2016
€ 25,50

Laura Lombardi, 15 luglio 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

A Firenze, nel Museo del Novecento e nel Museo degli Innocenti, sculture, installazioni e disegni dell’artista francese

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Nei depositi, ma non nascoste | Laura Lombardi

Nei depositi, ma non nascoste | Laura Lombardi