Image

Maurizio Canesso

Image

Maurizio Canesso

La scommessa in pieno lockdown di Maurizio Canesso

L'antiquario ha aperto a Milano una filiale della sua casa madre parigina

Image

Ada Masoero

Giornalista e critico d’arte Leggi i suoi articoli

«La mia è stata una scommessa nata nella primavera del 2020, in pieno lockdown», spiega Maurizio Canesso (Gavirate, Va, 1961), commentando la decisione di aprire a Milano un’altra sede della sua famosa galleria, fondata a Parigi nel 1994, specializzata negli artisti italiani, o attivi in Italia, tra Rinascimento e Settecento.

Una scommessa, la sua, scaturita da una reazione vitale allo sgomento per la drammatica stagione che il mondo stava attraversando a causa della pandemia: «Con Ginevra Agliardi, che ne sarà la direttrice, rammenta ora, ci siamo chiesti come affrontare il futuro e, in quel momento di grande incertezza, abbiamo deciso di reagire e di aprire una nuova sede a Milano. Parigi è un punto di riferimento mondiale per l’arte, da lì passano i collezionisti di tutto il mondo ma Milano coniuga al meglio antico e contemporaneo. C’è un humus culturale straordinario e qui ho un dialogo aperto con storici dell’arte e musei. La Lombardia è anche il cuore dei miei interessi artistici: accanto ai genovesi e ai napoletani, ho sempre avuto in galleria moltissime opere di pittori del Nord Italia».

Non a caso, per l’inaugurazione della galleria (aperta in Palazzo Valerio, in via Borgonuovo 24), la Galleria Canesso presenta, fino al 20 novembre, la mostra «Due notturni di Antonio Campi e altri dipinti del Cinquecento cremonese» costruita intorno a due opere, ben note alla critica ma mai esposte prima, di Antonio Campi (1522-87), pittore prediletto del cardinale Carlo Borromeo: due esempi straordinari della sapienza luministica dei maestri del Manierismo lombardo, che tanto contarono per Caravaggio.

Maurizio Canesso

Ada Masoero, 02 novembre 2021 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Riuniti nella residenza a Tremezzina i capolavori di Canova, Thorvaldsen e Hayez raccolti per rivalsa su Napoleone dal marchese lombardo

Le opere dell’artista spagnolo avvolgono la sede milanese della galleria con un’atmosfera sognante, tra il bucolico e l’immaginario

L’omaggio al gallerista recentemente scomparso di tre collezionisti-galleristi nel nuovo spazio che è «un luogo di studio, di conversazioni colte e di dibattito»

Donato da Giovanna Zanuso, presidente della Fondazione Sacchetti, la grande tela di Gian Paolo Panini sarà il fulcro della collezione settecentesca riallestita nell’ala nuova del museo a Milano

La scommessa in pieno lockdown di Maurizio Canesso | Ada Masoero

La scommessa in pieno lockdown di Maurizio Canesso | Ada Masoero