Image

La «Gioconda Stibbert» a restauro ultimato

Image

La «Gioconda Stibbert» a restauro ultimato

La «Gioconda» torna a casa Stibbert

Il restauro di una tra le più antiche e pregevoli copie del capolavoro leonardesco ha permesso di collocarla temporalmente agli inizi del Seicento

Image

Laura Lombardi

Leggi i suoi articoli

La «Gioconda» di Leonardo non è sempre stata un’opera «cult» così com’è oggi. L’entusiasmo e l’aura che circondano il ritratto di Monna Lisa maturano nel XIX secolo, quando il dipinto accende l’immaginazione di artisti e letterati. Proprio in quella temperie culturale, il 3 maggio 1879 a Firenze, Frederick Stibbert acquista presso l’antiquario Valmori una copia della «Gioconda» per destinarla al grande salone della quadreria della sua dimora, poi donata al Comune di Firenze e oggi museo diretto da Enrico Colle.

L’opera proveniva dalla collezione Mozzi del Garbo di Firenze, andata all’asta pochi giorni prima e nel cui inventario il dipinto figura dall’inizio dell’Ottocento. Citato prima come opera di Leonardo e poi come copia, è considerata ad oggi tra le più antiche e pregevoli sia da un punto di vista stilistico, sia per la fedeltà con l’originale concluso a Firenze nel 1506.

La «Gioconda Stibbert» è da poco tornata nella casa museo dopo il restauro di Daniele Rossi con Gloria Verniani e il suo staff, finanziato da Amici Museo Stibbert e Lions Club Firenze Poggio Imperiale e sostenuto da Gagliani Assicurazioni. A collocare ai primi anni del Seicento l’esecuzione del dipinto è stata la natura dei materiali e dei colori rilevati in occasione del restauro: il blu di cobalto, detto smaltino, e quindi vetro colorato e macinato, il rosa dell’incarnato, la biacca, le ocre gialla e rossa, la tela utilizzata e la preparazione rossastra, nonché la craquelure superficiale.
IMG20221216124951502_130_130.jpeg
La condotta pittorica è molto delicata, specie nel volto della donna. Piccole varianti sono nella decorazione della scollatura della veste e nella semplificazione delle pieghe delle maniche, come anche nel paesaggio, dove sono appena accennati i basamenti in scorcio con un frammento di colonne sulla balaustra in pietra serena. Per ricreare lo sfumato leonardesco e ottenere i passaggi chiaroscurali, l’ignoto artista usa il corpo a corpo e la velatura. Nel corso del restauro è stato scelto di conservare la preparazione a gesso e colla stesa sulla tela di rifodero nell’Ottocento per ripristinare le dimensioni originarie del dipinto che erano state rifilate in precedenza.

È riemersa inoltre traccia di ridipinture con colori a olio sul cielo sulle montagne sul fiume e sul ponte, zone probabilmente consunte da precedenti puliture. Il dipinto è stato poi montato su nuovo telaio in legno di pioppo con sistema di espansioni a forcella, prima di procedere alla fase finale di stuccatura delle mancanze e dei bordi perimetrali e alla reintegrazione pittorica.

La Sala della Quadreria con il dipinto ai tempi di Stibbert

Laura Lombardi, 16 dicembre 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Intanto nel museo di arti decorative riaprono due sale con un nuovo allestimento, rispettivamente dedicate all’arte islamica e alle maioliche

La 31ma edizione della manifestazione che riflette in chiave contemporanea sulla produzione secolare della manifattura toscana

La tavola, dipinta per l’altare del capolavoro di Michelozzo annesso alla Santissima Annunziata e oggi conservata alla National Gallery di Londra, è stata riprodotta su carta-cotone. Architettura e arredi dell’Oratorio sono stati oggetto di un restauro complessivo sostenuto dalla Famiglia Pucci e dai Friends of Florence

Sarà pronto «entro un paio d’anni», auspica Tomaso Montanari, presidente della Fondazione Museo Archivio Richard Ginori della Manifattura di Doccia. «Ci saranno nuove sale del vasto ambiente progettato nel 1965 da Pier Niccolò Berardi»

La «Gioconda» torna a casa Stibbert | Laura Lombardi

La «Gioconda» torna a casa Stibbert | Laura Lombardi