Image

La Prunksaal della Biblioteca Nazionale Austriaca

Image

La Prunksaal della Biblioteca Nazionale Austriaca

I libri di Eugenio nella Prunksaal

Voluta da Carlo VI d’Asburgo, la Sala di Rappresentanza della Biblioteca Nazionale Austriaca è annoverata fra le più pregevoli e vaste al mondo. Dopo 70 anni è stata sottoposta a un nuovo restauro e ora è pronta a riaprire

Flavia Foradini

Leggi i suoi articoli

Parte integrante del complesso del Palazzo Imperiale, la Biblioteca Nazionale Austriaca ha sede in un’ala progettata da Fischer von Erlach tra il 1723 e il 1727.
Mentre l’odierna entrata principale alle sale di lettura e consultazione si affaccia sulla Piazza degli Eroi nell’ala della Neue Burg progettata da Gottfried Semper e Karl Hasenauer nella seconda metà dell’800, l’ingresso alla Prunksaal, la Sala di Rappresentanza, si apre sulla piccola Josefsplatz.

Voluta da Carlo VI d’Asburgo, la Sala è annoverata fra le più pregevoli e vaste al mondo: ha una lunghezza di 78 metri, una larghezza di 14 e un’altezza di quasi 20, la cupola centrale si erge fino a 30 metri. I soffitti riccamente affrescati da Daniel Gran nella prima metà del Settecento presentano glorificanti allegorie della monarchia asburgica e della prosperità dei territori dell’impero, ma raccontano anche la costruzione della biblioteca.

Alle pareti alte librerie in noce massiccio ospitano 200mila volumi collezionati fra il XVI e il XIX secolo, fra cui la biblioteca di Eugenio di Savoia (15mila opere), numeri che fanno della Prunksaal la maggiore biblioteca barocca in Europa. Al centro della sala, una statua firmata da Antonio Corradini omaggia l’imperatore Carlo VI e il suo impegno per la cultura.

L’ultimo restauro risaliva al 1955. Quello in corso finanziato dallo Stato con 3,3 milioni di euro vede 90 addetti al lavoro su 128 storiche librerie, 16 statue, 12 busti in marmo, 28 tavoli e vetrine espositive, 48 finestre, stucchi ed elementi in metallo, marmi dei pavimenti, colonne (14mila i frammenti in legno perduti o da rinsaldare). L’incarico assegnato ai restauratori dalla Soprintendenza alle Belle Arti prevede anche il restauro dei dipinti, ma non degli affreschi sui soffitti. La Sala verrà riaperta al pubblico il primo gennaio.

La Prunksaal della Biblioteca Nazionale Austriaca

Flavia Foradini, 30 dicembre 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Dalle collezioni del Kunsthistorisches Museum spiccano capolavori di Tiziano, Tintoretto, Veronese e Canaletto, ma anche armature del tempo preziosamente istoriate, e manufatti artistici

Le argomentazioni di chi accusa e di chi difende: Eva Blimlinger ed Erika Jakubovits contro Ernst Ploil, direttore della casa d’aste im Kinsky

25 anni di ricerche sulla provenienza delle opere finite tra il 1938 e il 1945 nei musei viennesi dopo le razzie naziste ora riepilogati in una doppia mostra

Dopo la mostra alla Alte Nationalgalerie di Berlino, è il turno del Wien Museum

I libri di Eugenio nella Prunksaal | Flavia Foradini

I libri di Eugenio nella Prunksaal | Flavia Foradini