Una vetrina della mostra sugli «Antichi popoli italici» a Veroli

Image

Una vetrina della mostra sugli «Antichi popoli italici» a Veroli

Gli antichi popoli italici a Veroli

L’esposizione costituisce la prima tappa di un progetto di valorizzazione di Palazzo Marchesi Campanari

Image

Redazione GDA

Leggi i suoi articoli

Una poesia riesce bene a dare un’idea del mosaico di popoli presenti nella penisola italiana prima della conquista da parte di Roma: è Voci della poetessa Wisława Szymborska, premio Nobel per la Letteratura nel 1996. I versi della poesia, inserita nella raccolta Ogni caso, ritornano alla mente visitando la mostra «Antichi popoli italici. Gli Ernici, i Volsci e gli altri», allestita fino al 15 aprile negli spazi del Palazzo Marchesi Campanari per iniziativa del Ministero della Cultura, della Regione Lazio e del Comune di Veroli.

Lungo il percorso sono presentati circa 300 reperti che illustrano la vita delle genti insediate nel territorio compreso tra i Monti Ernici, le valli dei fiumi Sacco e Liri e la pianura pontina, e, al contempo, raccontano le loro relazioni commerciali e culturali con altre aree del mondo antico. Gli oggetti coprono un arco cronologico di oltre quattro secoli e provengono da contesti di scavo scoperti negli ultimi decenni.

Si possono segnalare il ricco corredo dalla sepoltura di un bambino risalente alla fine del VII secolo a.C. rinvenuta ad Anagni; i corredi funerari databili al V e IV secolo a.C. e scoperti a Frosinone in piazzale de Matthaeis; gli oggetti dalle tombe a fossa dalla necropoli di Fortore Derupata a Pofi rinvenuti in occasione d’indagini di archeologia preventiva; i materiali dal villaggio preromano scoperto in via Landolfi a Frosinone, dove strutture abitative e sepolture risultano affiancate, e una selezione dei reperti rinvenuti nella necropoli di Poggio dei Cavalieri di Satricum (Borgo le Ferriere-Latina).

Una sezione della mostra accoglie oggetti recuperati tra il 2021 e il 2022 grazie ai Carabinieri del Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale e provenienti con ogni probabilità dall’area laziale ed etrusca. L’esposizione costituisce la prima tappa di un progetto di valorizzazione di Palazzo Marchesi Campanari.

Veduta della facciata di Palazzo Marchesi Campanari a Veroli (Fr)

Una vetrina della mostra sugli «Antichi popoli italici» a Veroli

Redazione GDA, 26 febbraio 2024 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Al MoMA la retrospettiva della pioniera della performance che si vorrebbe rivedere più volte

Il tema scelto, «Una nuova gioventù», è dedicato alle preoccupazioni dei giovani di oggi e al loro rapporto con le generazioni passate

Documenti dell’Archivio di Stato di Ancona li rappresentano nel contesto storico del regime fascista

La seconda puntata di una corrispondenza sui motivi che ci spingono a visitare i luoghi dell’arte

Gli antichi popoli italici a Veroli | Redazione GDA

Gli antichi popoli italici a Veroli | Redazione GDA