Image

La scena del viaggio negli affreschi di Tarvisio

Image

La scena del viaggio negli affreschi di Tarvisio

Gli affreschi quattrocenteschi di Santa Dorotea

A Tarvisio erano emersi sotto strati di ridipinture novecentesche

Melania Lunazzi

Leggi i suoi articoli

A Camporosso in Valcanale, nella piccola chiesa alpina di Santa Dorotea, architettura riconducibile alle forme e agli stilemi del gotico carinziano, è stato restaurato il ciclo di affreschi quattrocenteschi emersi sotto strati di ridipinture novecentesche sulla parete nord e sull’arco trionfale della navata unica.

Esempio del tardo gotico proposto da maestranze carinziane e probabile (questa è l’ipotesi avanzata dopo i restauri) derivazione della nota Scuola di Villach i dipinti riportano due strati pittorici di mani e epoche leggermente sfalsate. Tra le scene raffigurate la partenza, il viaggio e l’adorazione dei Magi, la non frequente iconografia del Martirio di sant’Acacio (o Acazio) e dei diecimila martiri cristiani e scene frammentarie del Nuovo Testamento: Strage degli Innocenti, Fuga in Egitto, Risurrezione, Madonna della Misericordia e Martirio di san Sebastiano.

Alcune scene del secondo strato sono state eseguite a secco, con parti (aureole, pissidi, finimenti dei cavalli) a incisione e punzonatura e applicazione di lamine metalliche. Nel primo strato, più antico, il Martirio di Sant’Acacio riporta la data 1401. Il restauro, effettuato sotto la vigilanza della Soprintendenza di Udine, ha eseguito la pulitura, il consolidamento della pellicola pittorica all’intonaco, la stuccatura delle lacune e delle crepe e un ritocco ad acquarello con la tecnica del rigatino.

La scena del viaggio negli affreschi di Tarvisio

Melania Lunazzi, 24 maggio 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nel Duomo di Cividale del Friuli, accanto al Cristo in croce, due piedistalli vuoti aspettano la Vergine e l’Evangelista che per 1.400 euro all’anno di assicurazione giacciono nei depositi del vicino Museo Archeologico

Oltre 200 opere dell’artista di origini dalmate esposte a Gorizia, che si prepara per la Capitale Europea della Cultura 2025

In un territorio di circa 43mila ettari, al confine nordorientale con Austria e Slovenia, si sta lavorando al reintegro di opere restaurate nelle chiese storiche

Nel Castello di Miramare 150 opere raccontano la spedizione scientifica della Fregata Novara

Gli affreschi quattrocenteschi di Santa Dorotea | Melania Lunazzi

Gli affreschi quattrocenteschi di Santa Dorotea | Melania Lunazzi