Image
Image

Dalla crinolina a Hollywood

Luca Scarlini

Leggi i suoi articoli

Le vicende, fascinose e complesse, della storia della moda tra Ottocento e Novecento, vengono attraversate in questa recente ed efficace pubblicazione di due storici newyorkesi, con un ottimo apparato di illustrazioni, avendo sempre un occhio di riguardo alla relazione tra Europa e Stati Uniti, tema da noi meno frequente nelle ricerche

Il percorso, che inizia dal 1850, pone a fianco del notissimo «The shop girl» di James Tissot (molto usato nelle pubblicazioni su fashion e costume) una illustrazione del 1847 da «American Fashion», senza scordare di inserire le fattezze di Jenny Lind, l’usignolo svedese che sedusse la fantasia di Hans Christian Andersen. La scrittura dei due autori, Daniel James Cole e Nancy Deihl, è efficace nel connettere moti della fantasia e sistemi di mercato, a partire dalla debita attenzione data al micidiale sistema delle crinoline, a cui il Musée de la Dentelle di Bruxelles ha dedicato una magnifica mostra nello scorso dicembre.

Sempre Tissot (il magnifico «Too early») viene utilizzato per illustrare l’arrivo del bustino, come elemento principale del vestiario. La «dittatura» del sarto-tiranno Worth, la seduzione orientale («La japonaise» di Monet viene scelta per introdurre il complesso tema del giapponismo), lascia lo spazio a una ampia sezione sulla Belle Epoque intitolata esplicitamente Gli eccessi dell’epoca d’oro, tra reform dresses delle femministe, parate di donne fatali e l’importante contributo alla moda maschile del principe di Galles.

La copertina del volumeLe trasformazioni, violente e repentine, delle fogge e degli usi passano anche dalle icone, amate o temute, per cui trova spazio anche la marchesa Casati Stampa, regina dell’eccentricità d’avanguardia. Da Paul Poiret alle maschiette, da Chanel a Sonia Delaunay sfilano tutti i nomi più importanti; in più il volume propone un parallelo continuo con l’industria dei sogni di Hollywood. Natacha Rambova, Alla Nazimova, splendente di lustrini, come eroticissima Salomè in un adattamento filmico della tragedia di Wilde del 1923 che fece scandalo, prelude a Walt Disney in knickerbocker insieme al suo staff, toccando il glamour delle star anni Trenta che hanno fatto epoca.

Nel ping pong tra i due continenti arriviamo fino alla esilarante parodia di «Zoolander» di Ben Stiller e all’attualità riassumendo alla luce di questo dialogo di culture, una storia polimorfa e complessa, da cui restano fuori comunque molti aspetti della produzione europea novecentesca.

Storia della moda dal 1850 ad oggi
di Daniel James Cole e Nancy Deihl
traduzione di Maurizio Francesconi
480 pp.
Einaudi, Torino 2016
€ 90,00

Luca Scarlini, 07 giugno 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

A partire da cammei autobiografici e racconti degli artisti effigiati, un libro con le storie di una serie di copertine celebri della storia del rock

Pubblichiamo in anteprima una brano dell’autobiografia di Luca Scarlini, in uscita per Bompiani

Dalla crinolina a Hollywood | Luca Scarlini

Dalla crinolina a Hollywood | Luca Scarlini