Image

«Un'eterna ghirlanda brillante» di Chiara Dynys

Image

«Un'eterna ghirlanda brillante» di Chiara Dynys

Da Cortesi le installazioni di Chiara Dynys

L'artista mantovana propone opere site specific pensate per gli spazi di via Morigi ed un omaggio ad Antonio Canova

Image

Ada Masoero

Giornalista e critico d’arte Leggi i suoi articoli

Dopo la presenza lo scorso anno nella sede di Lugano con la personale «Parade», dal 5 maggio Chiara Dynys torna da Cortesi Gallery, ma questa volta a Milano, con la personale «Un’eterna ghirlanda brillante», curata da Giorgio Verzotti. In mostra tre cicli di lavori pensati per gli spazi di via Morigi e la serie «La Blancheur», già esposta da Casamadre a Napoli: un omaggio, questo, ad Antonio Canova nei 200 anni dalla morte, formato da fotografie scattate dall’artista nella Gipsoteca di Possagno, poi ricomposte in un complesso, spaesante montaggio.

Materiale e immateriale si confrontano ancora una volta nel lavoro di Chiara Dynys, e tanto più ciò accade nell’installazione che dà il titolo alla mostra, dove 21 forme specchianti dodecagonali di diverse dimensioni (la maggiore misura oltre 55 centimetri di diametro; nella foto) compongono una sorta di costellazione di astri, «sfaccettati» dall’artista nell’alluminio come fossero diamanti ma dotati di un fondo concavo, che genera bagliori diversi, in relazione all’incidenza della luce.

Se 16 di quelle «gemme» sono ordinate in una composizione che ruota intorno alla maggiore, evocando l’impianto circolare della «Deposizione» di Pontormo (1526, Cappella Capponi in Santa Felicita, Firenze), le altre cinque scintillano sulla parete accanto, disposte come gli astri della costellazione Vega, tutte emanando una luce che smaterializza la loro fisicità. Con queste sono in mostra il ciclo «Parade Perspective», con le inconfondibili cornici di metacrilato della Dynys, qui declinate però in modo inedito, e gli esemplari più recenti del ciclo «Tutto», avviato nel 2015, in cui l’artista s’interroga sul rapporto tra passato e futuro.

«Un'eterna ghirlanda brillante» di Chiara Dynys

Ada Masoero, 04 maggio 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Alla soglia dei novant’anni il pittore bolognese ne festeggia sessantacinque di carriera, unicum nella Pop art con un’antologica a Milano: settanta grandi dipinti e cinquanta disegni realizzati tra il 1957 e il 2023

Primo Marella Gallery dedica una personale all’artista filippino tra i più noti della sua generazione

Il direttore Angelo Crespi conferma l’inaugurazione il 7 dicembre (finalmente) di Palazzo Citterio, e annuncia che sarà allestito da Mario Cucinella. Il 2024 sarà un anno record: previsti 500mila visitatori, forse di più. Non ci sarà la passerella aerea voluta dall'ex direttore James Bradburne

In attesa della retrospettiva di Palazzo Reale, il Museo di Storia Naturale espone 22 acqueforti dell’artista nel centenario della nascita

Da Cortesi le installazioni di Chiara Dynys | Ada Masoero

Da Cortesi le installazioni di Chiara Dynys | Ada Masoero