Image

Il Museo Classis Ravenna ha accolto «attivamente» gli alluvionati, con visite guidate per gli adulti e laboratori didattici per i bambini

Image

Il Museo Classis Ravenna ha accolto «attivamente» gli alluvionati, con visite guidate per gli adulti e laboratori didattici per i bambini

Classis Ravenna aperto agli alluvionati

Il museo storico ha attivato per gli ospiti temporanei i servizi che normalmente vengono svolti a favore dei turisti e dei visitatori: agli adulti è stato offerto un servizio di visite guidate; per i bambini, invece, sono stati organizzati laboratori didattici

Image

Giuseppe M. Della Fina

Leggi i suoi articoli

Classis Ravenna-Museo della Città e del Territorio è sorto di recente: è stato aperto al pubblico, infatti, nel 2018. È allestito all’interno dell’ex zuccherificio della città, appositamente ricuperato per la nuova destinazione, e lungo il percorso espositivo racconta la storia della città di Ravenna: dalle origini etrusco-umbre, all’età romana, alle diverse fasi dell’Alto Medioevo in un’ottica unitaria con gli altri centri espostivi e gli straordinari monumenti della città e del territorio.

Vi si approfondiscono singoli temi, come la produzione artigianale e artistica, la religiosità, il rapporto con il mare. Nella stessa denominazione si fa riferimento a Classe, il porto che è stato all’origine della fortuna di Ravenna e, in epoca tardoantica, uno dei maggiori scali portuali del Mediterraneo.

In questi giorni, a seguito della catastrofe del maltempo e delle esondazioni che hanno interessato la zona, la direzione del museo e la Fondazione RavennAntica, che lo gestisce, in pieno accordo con l’Amministrazione comunale, hanno fatto la scelta di ospitare molti di coloro che sono stati costretti ad abbondonare le proprie abitazioni. Si è arrivati ad accogliere 800-1.000 persone al giorno.
IMG20230522144849976_130_130.jpeg
Sarebbe stato un intervento già significativo e di vicinanza a persone in grande difficoltà, ma è avvenuto qualcosa di più. Come ci ha dichiarato Giuseppe Sassatelli, presidente della Fondazione RavennAntica, grazie alla sensibilità e all’impegno della direttrice, Francesca Masi, e del personale del museo, sono stati attivati per gli ospiti temporanei i servizi che normalmente vengono svolti a favore dei turisti e dei visitatori.

Agli adulti è stato offerto un servizio di visite guidate in maniera tale che potessero conoscere in maniera più approfondita il museo e la storia della città e del territorio dove risiedono. Per i bambini, invece, sono stati organizzati laboratori didattici sul mosaico e sul lavoro dell’archeologo.

Si è trattato di un’operazione complicata, organizzata in tempi brevissimi e in una situazione di piena emergenza, ma riuscita e in grado di legare un museo agli abitanti del territorio dove si trova ad operare.

Il Museo Classis Ravenna ha accolto «attivamente» gli alluvionati, con visite guidate per gli adulti e laboratori didattici per i bambini

Il Museo Classis Ravenna

Giuseppe M. Della Fina, 22 maggio 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Giovanni Brizzi ricostruisce un arco cronologico di più di mille anni dalla fase monarchica, attraverso l’età repubblicana, per giungere all’epoca imperiale

L’archeologo e storico dell’arte ha rivisto alcuni suoi scritti su personaggi incontrati nel corso della vita, raggruppandoli per nuclei tematici all’interno di un unico volume

Tra i reperti valorizzati all’interno del Parco Archeologico aperto lo scorso 11 gennaio vi è un antico indicatore meteorologico, scoperto negli anni ’30 dall’antiquario Ludwig Pollak

118 ex voto veienti in mostra nel Museo delle Antichità etrusche e italiche del Polo Museale dell'Università la Sapienza

Classis Ravenna aperto agli alluvionati | Giuseppe M. Della Fina

Classis Ravenna aperto agli alluvionati | Giuseppe M. Della Fina