Image
Image

Camera con vista

Leandro Erlich ha reso accessibile la democrazia

Image

Giorgio Guglielmino

Leggi i suoi articoli

Il grande obelisco moderno, dalle superfici lisce e vagamente inquietanti, posto a metà della grande arteria centrale di Buenos Aires, la 9 de Julio, è considerato il simbolo della capitale argentina e più in generale della libertà e della democrazia del paese.  

L’interno dell’obelisco, vuoto, non è aperto al pubblico e alla scala che porta fino alla sua cima nessuno può accedere, salvo gli addetti ai lavori. E salvo l’artista argentino Leandro Erlich. 

Erlich ha filmato la veduta dalle quattro inarrivabili finestre sulla parte finale dell’obelisco e ha ricostruito tale parte apicale portandola a livello del terreno. Poggiandola per strada le ha dato l’aspetto di una sorta di casetta. All’interno di questa piccola capanna di cemento, che ha una porticina su uno spigolo, si trovano le quattro finestre all’interno delle quali vengono proiettati i video a suo tempo girati dall’artista che inquadrano le arterie cittadine viste dall’alto, da quella prospettiva a cui il pubblico non ha mai accesso.

Ecco quindi il simbolo della democrazia che scende a terra e si apre al pubblico. E non a caso l’opera di Leadro Erlich, con una suggestiva inversione dei termini, si intitola «La democrazia del simbolo». L’aspetto democratico di questa scultura/installazione è anche accentuato dal fatto che l’opera, originariamente posta per alcuni mesi davanti al museo Malba di Buenos Aires, sta ora facendo una sorta di tour dell’Argentina, partendo dalla città di La Plata. Ora tutti possono quindi godere per qualche minuto di questa particolare camera con vista.

Giorgio Guglielmino, 09 ottobre 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Strada in salita per la fiera d’arte contemporanea nipponica che cerca di conquistare un proprio spazio nell’ormai affollato panorama asiatico

I mesi estivi sono un’occasione ideale per visitare spazi d’arte con animo bendisposto. I galleristi lo sanno e aprono sedi apposite

Da Xavier Hufkens va in scena un suggestivo, e apparentemente provvisorio, allestimento dell’artista tedesca

Incursioni nelle gallerie di Giorgio Guglielmino, diplomatico e collezionista di arte contemporanea

Camera con vista | Giorgio Guglielmino

Camera con vista | Giorgio Guglielmino